Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Mirandola, ora finalmente Albertina avrà la sua casa

Dopo oltre 5 anni dal sisma, trascorsi in roulotte, l’82enne ha ricevuto la cambiale Errani

MIRANDOLA. Dopo cinque anni e mezzo dal sisma trascorsi in una roulotte nel giardino di casa, in via Case Popolari a Mortizzuolo, Albertina Dotti, la vedova e madre di 10 figli al centro di una triste storia, ha finalmente visto la luce in fondo al tunnel. Cinque anni in roulotte con la sua cagnolina Margot paralizzata alle zampe posteriori, guardando la propria abitazione inagibile i cui lavori di ricostruzione sembravano non partire mai, anche perché a 82 anni è facile non avere dimestiche ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MIRANDOLA. Dopo cinque anni e mezzo dal sisma trascorsi in una roulotte nel giardino di casa, in via Case Popolari a Mortizzuolo, Albertina Dotti, la vedova e madre di 10 figli al centro di una triste storia, ha finalmente visto la luce in fondo al tunnel. Cinque anni in roulotte con la sua cagnolina Margot paralizzata alle zampe posteriori, guardando la propria abitazione inagibile i cui lavori di ricostruzione sembravano non partire mai, anche perché a 82 anni è facile non avere dimestichezza con la burocrazia.



Martedì scorso le è stata consegnata la cambiale Errani, il documento che certifica l’assegnazione dei contributi affinché partano i lavori di ricostruzione della sua abitazione. Albertina ha raccontato la sua storia nel maggio scorso, quando siamo stati a trovarla nella sua roulotte e sulla pratica per la ricostruzione aveva detto: «l’abbiamo presentata più volte in Comune, in questi anni, ma è sempre stata rispedita indietro perché mancante in qualcosa». Allora puntuale era arrivata la risposta del Comune: «La pratica di ricostruzione dell’abitazione di Albertina è stata presentata in Comune solo il 30 dicembre 2016». Quella pratica in Comune non era mai arrivata e qualcuno aveva fatto credere il contrario ad Albertina.



L’assessore alla ricostruzione Roberto Ganzerli dopo la denuncia della Gazzetta ha voluto seguire la vicenda. Ha fissato una riunione, cui ha partecipato insieme ai tecnici comunali e al tecnico di fiducia della famiglia di Albertina.

E ora è arrivata la cambiale Errani, scrivendo così il lieto fine della questione. Come puntualizzato dallo stesso Ganzerli: «Ci eravamo presi l’impegno di chiudere in tempi brevi la pratica e lo abbiamo fatto. Adesso la palla passa all’impresa costruttrice, noi vigileremo, come facciamo sempre».