Quotidiani locali

Vai alla pagina su Emotion, Il gusto

Modena food lab per diventare chef al pianoforte

Inaugurata la scuola di cucina in stile New York Nel locale arriveranno i guri della ristorazione

MODENA. Si chiama Modena Food Lab ed è una scuola di cucina nata da un’idea di Francesco Rompianesi, chef del bistrot Latteria21, che ha sempre desiderato diffondere il più possibile le conoscenze culinarie, insieme alla moglie Francesca Pacchiano. Francesca, grande appassionata di cucina, laureata in ostetricia e pianoforte, ha l’obiettivo di dare a questo progetto un’identità differente insegnando le note del buon cibo.

«La caratteristica che distingue subito la nostra attività - specifica Francesca - è la location: a due passi dal centro storico di Modena, in un piccolo borghetto molto stile New York, Modena Food Lab nasce come una sala da pranzo di 130 metri quadri, dove si ritrova una cucina casalinga di classe, i tavoli di legno di design su cui gli stessi allievi svolgeranno alcune preparazioni, la zona relax e il pianoforte a coda. Inoltre si distingue per l’impronta data a ogni corso: ci saranno sempre la parte teorica che precede quella pratica, così da fornire gli strumenti e le conoscenze tecnico-scientifiche ad ogni allievo, per potere replicare e, specialmente, creare a casa propria i piatti che vogliono.

Anche il filone della cucina naturale e consapevole si ritaglia uno spazio importante all’interno dei corsi della nostra scuola: la collaborazione con Benmivoglio Lab, associazione di biologi nutrizionisti, ci permette di proporre corsi che riguardano diverse patologie ormai comuni nella nostra società come la celiachia, l'obesità e il diabete. Un altra categoria di corsi sarà quella rivolta alla cucina per i bambini: laboratori e corsi di cucina per Junior Chef andranno ad arricchire l’offerta della nostra scuola. Ci saranno anche corsi si “staccheranno” dall’offerta classica di una scuola di cucina, come quello sull'olio d'oliva o sui cocktail moderni. Il target di clientela a cui ci rivolgiamo spazia dalle persone che vogliono apprendere le basi della cucina, spiegate ed insegnate in modo tecnico e minuzioso, a quelle che desiderano perfezionare tematiche specifiche con chef di fama nazionale, come Igles Corelli, che avremo il piacere di ospitare il 22 Ottobre».

L’altra grande attività che corre parallela ai corsi di cucina sarà l’affitto dei locali per eventi e cene private, con la possibilità di avere un personal chef che cucina a vista per i commensali. «Il tutto abbinato a un ambiente di classe ed elegante - prosegue Francesca - I docenti che abbiamo, e che avremo, saranno di altissimo livello, alcuni conosciuti anche in ambito televisivo. Altri con oltre 40 anni di esperienza nella ristorazione. Oltre allo chef Igles Corelli, i maestri Pasticceri Giuseppe Gagliardi, Ilio Berselli, Alex Servida, Sebastiano Caridi, ci saranno i maestri panificatori Piergiorgio Giorilli e Cristian Zaghini, lo chef vegano e vegetariano Simone Salvini e il barman di fama internazionale Matteo Zamberlan. Inoltre collaboreremo con Wooding Lab, lo staff del ristorante stellato Joya di Pietro Leeman, lo chef modenese gluten free Marcello Ferrarini e il guru della cucina a bassa temperatura Marco Pirotta e quello del sushi Ricardo Takamitsu. L’obiettivo di Modena Food Lab è quello di far crescere il bagaglio tecnico culinario dei corsisti, accrescere la loro passione e metterli in contatto con i migliori e professionisti del settore».


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics