Quotidiani locali

Modena, via libera della Soprintendenza: il 27 ottobre si scopre la statua di Pavarotti

Proprio in questi giorni il Comune ha ricevuto dalla Soprintendenza l'autorizzazione temporanea alla collocazione della statua in via Goldoni, posta su un basamento appropriato, nell'occhio del portico del Teatro dedicato dalla città a Pavarotti.

MODENA.  Sarà scoperta venerdì 27 ottobre alle 18, in coincidenza con l’avvio della Stagione d’Opera al Teatro Comunale Luciano Pavarotti, la statua del tenore donata a Modena dal Comune di Pietrasanta per le celebrazioni nel decennale della morte del Maestro.

L'annuncio è stato dato dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli nella seduta del Consiglio comunale del 12 ottobre, data in cui ricorre l’anniversario della nascita del tenore, perché proprio in questi giorni il Comune ha ricevuto dalla Soprintendenza l'autorizzazione temporanea alla collocazione della statua in via Goldoni, posta su un basamento appropriato, nell'occhio del portico del Teatro dedicato dalla città a Pavarotti. “Ringrazio il Comune di Pietrasanta, l’ex sindaco Massimo Mallegni e l’attuale commissario Giuseppe Priolo per il dono della statua – ha affermato Muzzarelli – e insieme a loro lo scultore Stefano Pierotti e le fonderie artistiche che l’hanno realizzata in un percorso condiviso con la famiglia Pavarotti, con Nicoletta Mantovani e le figlie”. La statua, opera di Stefano Pierotti, raffigura Pavarotti in piedi a grandezza naturale, a braccia aperte con il foulard nella mano sinistra (2 metri circa l’altezza e 180 cm. l’apertura delle braccia), ed è fusa in bronzo da tre fonderie artistiche aderenti all'associazione Artigianart-Pietrasanta che hanno realizzato gratuitamente la fusione: la fonderia Da Prato, la Mariani e la Versiliese, citate nella targa esplicativa dell’opera con il Comune donatore. Per il definitivo posizionamento della statua - è spiegato nella nota della Soprintendenza - sarà necessario concludere l'iter dell'interesse culturale del teatro avviato nel 2013 dal Comune e valutare l'orientamento espresso dai Comitati tecnico scientifici del ministero rispetto a un'eventuale collocazione dell'opera all'interno del Comunale, sulla quale però sono già state espresse riserve riguardo alla sicurezza. Lo scultore Stefano Pierotti ha già realizzato, tra le altre sue opere, il monumento “A Ayrton Senna” all’Autodromo di Imola, il grande Crocifisso della Giornata Mondiale della Giornata della Gioventù di Tor Vergata a Roma 2000, la scultura in ricordo di Papa Giovanni Paolo II, antistante l’ingresso del Policlinico “Gemelli” di Roma. La stagione operistica del Teatro Comunale Luciano Pavarotti, incomincia alle 20 del 27 ottobre con “Il colore del sole” di Lucio Gregoretti, opera liberamente tratta dal romanzo omonimo di Andrea Camilleri e coprodotta dal teatro modenese.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista