Quotidiani locali

Vai alla pagina su Zero14
Recitando s’impara presto: che il vero va oltre la realtà

Recitando s’impara presto: che il vero va oltre la realtà

Al via i laboratori teatrali dagli 8 ai 13 anni, in 25 incontri settimanali Per seguire le orme di “Occhio al drago”, arrivata al Festival di Tolosa

MARANO Sono in corso  Marano sul Panaro, i laboratori teatrali per bambini (a partire dagli 8 anni) e ragazzi (fino ai 13 anni) condotti da Alessandra Tomassini, diplomata alla Bottega Teatrale fondata da Vittorio Gassmann, e Giorgio Incerti, diplomato alla Scuola teatrale di Bologna diretta da A. Galante Garrone.

Venticinque gli incontri, a cadenza settimanale, in programma, con conclusione del percorso a maggio 2018.

“Il corso ragazzi – spiega Giorgio Incerti – in realtà fa parte di un progetto più ampio e già conosciuto e … collaudato ovvero una compagnia che si chiama Occhio del Drago e che è costituita da ragazzini dagli 8 ai 12 anni. Qualche anno fa con loro siamo andati in trasferta al Fite, il festival International Theatre d’Enfant di Tolosa; e l'ultimo spettacolo “la rivolta dei giocattoli” è stato presentato l’anno scorso anche al festival Nazionale dei Ragazzi di Marano e replicato ad agosto a Guiglia”.

“Grazie al Comune di Marano sul Panaro e all'Associazione L'albero e i bambini – aggiunge Alessandra Tomassini - finalmente prende vita il CTM Centro di Formazione Teatrale di cui io Giorgio Incerti siamo ideatori e conduttori e che vuole essere un luogo dove sperimentare e acquisire gli strumenti base dell'arte scenica in tutti i suoi aspetti, dove mettere in gioco e accrescere la propria creatività attraverso un approfondimento della pratica teatrale ampio e articolato, grazie anche ad una serie d’incontri-workshop con professionisti della scena artistico/teatrale nazionale.

Un luogo che intende promuovere la cultura in tutti i suoi aspetti, dove ritrovarsi a condividere emozioni, dove si ride e si pensa, s'indagano i sentimenti e le idee, si ascoltano e si raccontano storie”.

Impossibile quindi dare torto a Victor Hugo e al suo affermare che “il teatro non è il paese della realtà: ci sono alberi di cartone, palazzi di tela, un cielo di cartapesta, diamanti di vetro, oro di carta stagnola, il rosso sulla guancia, un sole che esce da sotto terra. Ma è il paese del vero: ci sono cuori umani dietro le quinte, cuori umani nella sala, cuori umani sul palco”ci chiediamo…

“Il vero che va oltre la realtà: è proprio questo che tira fuori il teatro – conferma Incerti - Permette di conoscersi, di sfidarsi, di superare blocchi e paure, di staccarsi dal giudizio, aiuta l’autostima, crea senso di appartenenza. Stare sul palcoscenico, indossare maschere e personaggi, calarsi in vite esperienze storie emozioni altrui, educa a stare nella vita, la propria vita. Importantissimo per gli adulti diventa a volte letteralmente salvifico nei ragazzi. I più spontanei? I più piccoli, ovviamente, ancora estranei alle gabbie del giudizio sociale”.

Per partecipare alla prima lezione l’appuntamento è al teatro – centro culturale di Marano, in via Primo Maggio 12. Per informazioni e iscrizioni il telefono di riferimento è quello dell’Associazione L’albero e i Bambini: 3664204259.

Monica Tappa
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro