Quotidiani locali

Il nuovo Gigetto “abbatte” la stazione di Casinalbo

Formigine. Demolito il vecchio e pericoloso stabile per allargare la banchina Sarà sostituito da una nuova pensilina. Termine dei lavori per la fine del mese

FORMIGINE. Cambia la “skyline” di Casinalbo: la vecchia stazione della ferrovia è stata abbattuta.

Troppo pericolosa da un punto di vista sismico e troppo ingombrante per le nuove banchine, quelle che devono ospitare il nuovo treno l’Etr 350, che da qualche mese copre la maggior parte delle corse tra Modena e Sassuolo. Il nuovo convoglio, infatti, è più lungo dei suoi predecessori (o sarebbe più corretto dire antenati, visto quanto erano datati) e quindi Fer (Ferrovie Emilia Romagna) ha dovuto adeguare alcune stazioni, in particolare le banchine. Quella di Casinalbo era la stazione che presentava la situazione peggiore e che ha richiesto un cantiere assai duraturo: iniziato a giugno (per tutta estate il treno qui non si è fermato fino a metà settembre) terminerà - si spera - a cavallo tra ottobre e novembre.

Fer ha proceduto a mettere in sicurezza la banchina di fermata, che è stata allungata, alzata ed ampliata. Questo anche per rispettare le normative nazionali di sicurezza. L’allargamento della banchina è funzionale anche all’accessibilità dei passeggeri disabili sul nuovo Etr 350. È proprio per questo che si è dovuto procedere all’abbattimento dello stabile che un tempo ospitava la stazione: c’era necessità di spazio per mettere a norma la banchina.

E cosa sarà costruito al posto dell’edificio? Oltre a terminare la banchina che arriverà fin quasi al passaggio a livello (sarà lunga 120 metri di banchina circa), Fer procederà ad installare una nuova pensilina, un’area più ampia per l’arrivo e la discesa dei passeggeri. In sostanza non una stazione intesa nel senso più comune del termine, bensì una zona coperta, ma che resterà aperta ai lati.

L’installazione di una possibile biglietteria automatica dipende dalla volontà di Tper, mentre certamente ci sarà un’obliteratrice. Dunque i passeggeri di Casinalbo dovranno sopportare i disagi per ancora un paio di settimane, dato che al momento le lamentele non mancano soprattutto nel tardo pomeriggio quando la luce naturale inizia a scarseggiare e la stazione è molto buia e non ispira sicurezza, in particolare per le donne sole.

Una volta terminato il cantiere di Fer, il Comune di Formigine si occuperà di migliorare la situazione nel terreno di sua competenza.

«Attendiamo che la Regione
finisca i lavori e poi noi sistemeremo l’area del parcheggio per renderla adeguata e di servizio per tutti i residenti di Casinalbo», spiega il sindaco Maria Costi.

E dunque la zona dove si ergeva la vecchia stazione di Casinalbo, cambierà definitivamente volto. (gib)

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista