Quotidiani locali

Modena: ecco la statua di Pavarotti, venerdì arriva  nel "suo" teatro

L’opera dello scultore Pierotti arriva  da Pietrasanta il 27 ottobre e si inaugura alle 18 in coincidenza con l’avvio della Stagione d’Opera. Iniziati i preparativi per collocarla

Ecco la statua di Pavarotti a Modena L'opera di Stefano Pierotti raffigura Big Luciano in piedi, a grandezza naturale, che sorride e apre le braccia tenendo il foulard nella mano sinista nel suo tipo atteggiamento di saluto al pubblico al termine delle esibizioni. E' stata donata dalla città di Pietrasanta (Lucca) e fusa gratuitamente dalle fonderie Mariani, Versiliese e Da Prato dell'associazione Artigianart-Pietrasanta. Collocazione e basamento sono costati a Modena, città natale del Maestro, circa 20mila euro. L'inaugurazione venerdì 27 alle 18 (a cura di Andrea Magrini) ARTICOLO E FOTO

MODENA Sono iniziati in via Goldoni a Modena, sotto il portico del Teatro Comunale dedicato a Luciano Pavarotti, i lavori di preparazione per la collocazione del basamento sul quale sarà installata la statua dedicata al grande tenore modenese donata alla città natale, nel decennale della morte del Maestro, dal Comune di Pietrasanta.

La statua in bronzo, fusa gratuitamente da tre fonderie artistiche aderenti all'associazione Artigianart-Pietrasanta (Da Prato, Mariani e Versiliese), partirà dalla città toscana la mattina di venerdì 27 ottobre e giungerà con un trasporto speciale a Modena, dove si provvederà a fissarla al basamento e a coprirla con un velo che sarà tolto all’inaugurazione, in programma alle 18 dello stesso giorno, in coincidenza con l’avvio della Stagione d’Opera modenese.

Il trasporto e la collocazione in via Goldoni con la realizzazione del basamento, a carico del Comune di Modena, sono costati circa 20 mila euro. Alla cerimonia di venerdì 27 ottobre alle 18, che sarà aperta dall’esecuzione di “Ghirlandeina” da parte della Corale Rossini, partecipano l’attuale commissario del Comune di Pietrasanta Giuseppe Priolo e l’ex sindaco Massimo Mallegni.

leggi anche:

Con loro lo scultore Stefano Pierotti e rappresentanti delle fonderie artistiche Artigianart. In chiusura, la Corale Rossini, che annoverò tra le “sue” voci quella del giovane Luciano e del papà Fernando, intonerà il “Va pensiero” di Giuseppe Verdi. La statua in bronzo raffigura Luciano Pavarotti in piedi a grandezza naturale, sorridente e a braccia aperte con il foulard nella mano sinistra nell’atteggiamento tipico di saluto al pubblico dopo le sue esibizioni (l’opera misura 2 metri circa di altezza, senza basamento, e 180 cm. l’apertura delle braccia). La stagione operistica del Teatro Comunale Luciano Pavarotti, incomincia alle 20 del 27 ottobre con “Il colore del sole” di Lucio Gregoretti, opera liberamente tratta dal romanzo omonimo di Andrea Camilleri e coprodotta dal teatro modenese.

leggi anche:

d

Modena, ecco come sarà la statua di Pavarotti

L’artista prescelto per la realizzazione dell’opera è Stefano Pierotti, indicato come scultore capace di interpretare con la sua arte la figura del Maestro. La statua, che raffigura Pavarotti in piedi a grandezza naturale, a braccia aperte con il foulard nella mano sinistra, è fusa in bronzo da tre fonderie artistiche di Pietrasanta, aderenti all’associazione Artigianart: la fonderia Da Prato, la Mariani e la Versiliese

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon