Quotidiani locali

Incrocio a rischio, si può fare di più?

«L’incrocio è pericoloso: gli incidenti si ripetono con grande frequenza».Lo dicono a gran voce i residenti di Portile, riferendosi all’intersezione tra strada Castelnuovo Rangone, strada Cavedole e...

«L’incrocio è pericoloso: gli incidenti si ripetono con grande frequenza».

Lo dicono a gran voce i residenti di Portile, riferendosi all’intersezione tra strada Castelnuovo Rangone, strada Cavedole e la via che conduce nell’antico borgo di Paganine, da cui prende il nome.

«Uno dei problemi maggiori è causato dal passaggio ad alta velocità delle macchine - ha spiegato un commerciante della frazione - ma, in ogni caso l’incrocio è brutto, la curva è pericolosa. Poi, se non vengono rispettati i limiti di velocità la situazione può solo peggiorare».

«Quella strada la percorro tante volte, perciò la conosco bene - ha ribadito un abitante di Portile - ma basta la minima distrazione per uscire dalla carreggiata in cui si sta viaggiando per poi ritrovarsi faccia a faccia con un altro veicolo. I dissuasori lampeggianti che sono stati installati tempo fa purtroppo non sono abbastanza efficaci».

Cosa bisognerebbe fare?

«Dato che intorno c’è la campagna - ha risposto il residente - si potrebbe allargare la strada oppure installare un semaforo».

Della stessa opinione è anche Maria, anziana residente, che abita in prossimità dell’incrocio.

«Il muretto delle case che si trovano all’intersezione tra le tre strade - ha rimarcato l’intervistata - è già stato buttato giù e ricostruito diverse volte. Inoltre, non solo l’incrocio è pericoloso per gli automobilisti, ma anche per chi si trova sul ciglio della strada, o sul marciapiede, con la bicicletta, oppure
a piedi».

«Ma visto e considerato che il lampeggiante non funziona conclude - credo che sarebbe necessario installare un semaforo. Ci sono già stati troppi incidenti e, purtroppo, continuano a verificarsi in modo sistematico, anche più volte: il problema è serio». (m.s.)

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik