Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Incanto a Castelvetro

Mai come quest'anno ho avuto la possibilità di godermi l'autunno. È solo da poco che ho cominciato ad apprezzarne le sue qualità. Prima per me era solo il preludio all'inverno, stagione che non amo...

Mai come quest'anno ho avuto la possibilità di godermi l'autunno. È solo da poco che ho cominciato ad apprezzarne le sue qualità. Prima per me era solo il preludio all'inverno, stagione che non amo particolarmente perché odio il freddo. Purtroppo, negli ultimi anni gli inverni spesso non sono quelli che dovrebbero essere così come le estati, decisamente troppo calde. Forse è anche questo il motivo che mi ha portato ad amare maggiormente le stagioni intermedie, che poi sono quelle più colorat ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Mai come quest'anno ho avuto la possibilità di godermi l'autunno. È solo da poco che ho cominciato ad apprezzarne le sue qualità. Prima per me era solo il preludio all'inverno, stagione che non amo particolarmente perché odio il freddo. Purtroppo, negli ultimi anni gli inverni spesso non sono quelli che dovrebbero essere così come le estati, decisamente troppo calde. Forse è anche questo il motivo che mi ha portato ad amare maggiormente le stagioni intermedie, che poi sono quelle più colorate. Così come la primavera, anche l'autunno è periodo di grandi cambiamenti in natura. I suoi toni caldi dipingono il nostro quotidiano ed anche rimanendo in città, spesso mi incanto a guardare quell'albero che, giorno dopo giorno cambia colore: da verde a giallo, arancione e rosso. Mai come ora le colline di Castelvetro di Modena meritano una visita. Sono un vero incanto. Le vigne, che coprono distese sterminate, si tingono di rosso e sembrano dei lunghi serpentoni, in contrasto con il verde dei prati. Siete ancora in tempo per vederle. Recatevi al borgo, ma non parcheggiate al cimitero, e proseguite per la strada che lo affianca, ossia via Cimitero. Sarete immersi proprio in mezzo ai vigneti e potrete divertirvi a fare fotografie sulle dolci colline del paese. Io ho perso una mezza mattina fra prove di controluce, primi piani, sfocature e quant'altro. Quando sono sola, fare certe cose mi diverte molto. Anche via San Polo è da tenere a mente in questa stagione. Ci sono alcuni scorci niente male. Essendo nei dintorni del mio luogo preferito, non ho resistito ed ho fatto un salto in paese. Così ho avuto modo di conoscere Giorgia, assessore al turismo ed alla cultura di Castelvetro. Mette davvero tanta passione in quello che fa e mi ha dato modo di conoscere il borgo ancora meglio. Per esempio, ho scoperto che in via T. Tasso c'è un museo permanente di abiti rinascimentali, usati anche per le manifestazioni e gli eventi, che in Municipio c'è un importante acetaia comunale, che la Torre dell'Orologio risale addirittura al 1200! E poi quanti eventi vengono organizzati dall'ufficio turistico! Con l'autunno hanno già fatto alcune bellissime camminate fra uliveti e vigneti, con tanto di pranzo, facoltativo, in agriturismo. Ora, presso il castello del romantico borgo di Levizzano, c'è un bella mostra fotografica sul mondo della fotografia e dell'arte contemporanea. Ci sarà fino al 5 novembre, mentre i giorni 8-10-17 dicembre sarà la volta del mercatino di Natale. È proprio il caso di dire che a Castelvetro non ci si annoia proprio mai! www.viaggiareconlaura.com Pagina Facebook Viaggiare con Laura