Quotidiani locali

L’ordine ai vigili: fare multe per 1,2 milioni

La metà sarà destinata a sicurezza stradale, sostituzione di mezzi e demolizione di auto abbandonate

Sanzioni stradali in leggero aumento, almeno nelle previsioni, nel 2018. A dare i numeri su cui dovrà basarsi il bilancio è la Giunta comunale, che ha definito con una delibera l’importo presunto delle sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada, identificando così la quota del 50% che per Legge deve essere destinata ad interventi sulla sicurezza stradale.

L’importo previsto è di 1,2 milioni, un po’ più alto rispetto a quanto preventivato nel 2015 e nel 2016 (poco più di un milione), anche se una volta stornati i circa 174mila euro da devolvere al “fondo crediti di difficile escussione” la cifra si allinea agli anni scorsi.

Le novità contabili per la Pubblica Amministrazione, infatti, impongono di stornare dagli importi messi a bilancio una quota relativa ai crediti che probabilmente non saranno riscossi, o lo saranno tardivamente e faticosamente. L’importo incassato dalle multe, dunque, potrebbe essere anche più alto, ma tutto dipenderà dalla capacità da parte degli uffici di riscuotere le sanzioni nei tempi.

La delibera approvata dalla Giunta del sindaco Claudio Pistoni ha destinato poco più di 512mila euro (il 50% degli introiti) ad interventi connessi alla sicurezza stradale. Nello specifico si rilevano i quasi 73mila euro per l’acquisto e l’assistenza di sistemi di videosorveglianza e i circa 30mila per l’adesione e il collegamento alle banche dati. Uno strumento sempre più indispensabili al lavoro della municipale, vista l’adozione di sistemi informatici in grado di comminare sanzioni e identificare veicoli sospetti: dallo Speed Scout alle telecamere di recente installate ai varchi cittadini, in grado, proprio grazie alla connessione con le banche dati delle forze dell’ordine, di identificare veicoli rubati o sospetti.

Tra gli altri investimenti, per cui è già stato deciso di utilizzare i fondi derivanti dalle multe c’è l’assistenza all'impianto di foto-segnalamento (circa 3mila euro) e la rimozione e demolizione di veicoli abbandonati su suolo pubblico: una vera piaga per le casse pubbliche, con episodi di abbandono sempre più frequenti, per far fronte ai quali si è ipotizzata una spesa di oltre 15mila euro. Poco meno di 50mila euro, infine, sono stati stanziati per il noleggio a lungo termine di alcuni veicoli in dotazione alla polizia municipale. Scelta, quella del noleggio, adottata negli ultimi mesi dal Comune per sostituire alcuni veicoli datati e non più efficienti, con una notevole semplificazione nella gestione e costi di fatto
più competitivi.

Gli altri fondi delle multe verranno utilizzati per iniziative di educazione stradale ai giovani, per il potenziamento dei controlli, anche con l’acquisto di mezzi e attrezzature, nonché per la manutenzione delle strade e l’ammodernamento della segnaletica.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik