Quotidiani locali

PIEVEPELAGO. “MESSA ALLA PROVA” PER IL VIGILE GALLI 

Furti di gasolio: benzinaio patteggia 1 anno e 3 mesi

PIEVEPELAGO. Furti di gasolio: ieri Renzo Corbelli, il benzinaio di Pievepelago, ha patteggiato un anno e tre mesi (con pena sospesa), mentre il vigile urbano Vinicio Galli ha chiesto la “messa alla...

PIEVEPELAGO. Furti di gasolio: ieri Renzo Corbelli, il benzinaio di Pievepelago, ha patteggiato un anno e tre mesi (con pena sospesa), mentre il vigile urbano Vinicio Galli ha chiesto la “messa alla prova”, il programma di utilità sociale a sfondo rieducativo che oggi, se accolto, sostituisce la pena. E il giudice Andrea Romito ha accolto la richiesta del suo difensore, l’avvocato Roberto Bortolotti.

È andata così l’udienza preliminare su uno scandalo locale che ha suscitato clamore nell’estate 2016, quando emerse la serie di furti e rimborsi fasulli al termine delle indagini del pm Katia Marino.

Il giudice ha accolto la messa alla prova per Galli ma ha dovuto rinviare l’udienza al dicembre 2018 perché l’ufficio che si occupa delle assegnazioni per le Map è intasato. Nel frattempo l’agente della municipale, oggi sospeso, potrà presentare proposte a enti o associazioni che possono prenderlo. Come ricorda l’avvocato Bortolotti, Galli ha confessato e risarcito immediatamente il doppio del valore del gasolio che aveva rubato (ha pagato 5mila euro per i 2.500 effettivamente sottratti e ha dato 1600 euro per i 600 euro di schede rimborso carburante che aveva indebitamente presentato). Si sono poi costituiti parte civile, contro il benzinaio (difeso dall’avvocato Alessia Gonzo) sia il Comune di Riolunato che l’Unione Terre del Frignano (assistiti dall’avvocato Roberto Mariani).

Al centro di questa vicenda emersa quasi un anno e mezzo fa c’è la sparizione di una ingente quantitativo di gasolio dal magazzino di Riolunato e l’utilizzo dell’auto di servizio alla polizia municipale per trasportarlo al benzinaio, accusato
di ricettazione per aver rivenduto il diesel al pubblico. I due sono stati anche denunciati per falsità ideologica continuata e truffa ai danni di ente pubblico per le ricevute di rifornimenti mai avvenuti per i quali il vigile ha ottenuto rimborsi a beneficio suo e del benzinaio.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro