Quotidiani locali

Modena, la terza età s’incontra a tavola Pranzo da Vinicio per 106 anziani

Si è svolto ieri, per l’ottavo anno, il tradizionale appuntamento promosso da Lions Club e Comune Festa nel segno dell’amicizia per gli ospiti delle case protette o persone seguite dai servizi sociali

leggi anche:

MODENA. Al ristorante Vinicio il mese si è aperto con il sapore delle feste e della solidarietà. Per l’ottavo anno consecutivo, ieri l’associazione umanitaria Lions Club, insieme al Comune di Modena, ha promosso il pranzo di Natale per oltre cento anziani provenienti dalle strutture protette o seguiti dai servizi sociali. Un’occasione per permettere a persone sole o non autosufficienti di uscire dai soliti ambienti, di stare insieme e di partecipare ad un evento che sa già di festa. 106 gli invitati che si sono seduti da Vinicio intorno a 17 tavolate tonde, una per ogni struttura sociale.

«È una cosa bellissima - ha commentato entusiasta Gianfranco Sabatini, Officer distrettuale del Lions e coordinatore dell’evento - perché ciascuno di loro ha un accompagnatore che conosce usi, abitudini e anche limiti degli invitati. Tutti insieme trasferiscono un’emozione ed un calore grandissimi, ed è questa la cosa più bella dell’evento. Il motto del nostro club è “noi serviamo”. Oggi qui ci siamo noi, ci sono i nostri ragazzi e i nostri soci che servono a tavola. Non è tanto il fatto di dare qualcosa da mangiare, perché il problema alimentare non sussiste: il problema è quello di stare assieme e di far passare un momento di serenità. Mentre nei primi anni eravamo noi che davamo di più, adesso riceviamo moltissimo».

La sala del ristorante era piena di voci e di invitati che ci tenevano ad essere fotografati tutti insieme tra una portata e l’altra. Il pranzo si è aperto con un primo di passatelli in crema di parmigiano, a cui è seguito cotechino con purè di patate di Montese e, per concludere, un tiramisù.

«Per noi è un piacere ospitare questi anziani che ci danno un sacco di carica e di allegria. - ha commentato il titolare del ristorante Vinicio Sighinolfi - È un ottimo inizio di dicembre, un mese di grande lavoro con tante occasioni e cene degli auguri. Iniziamo con questo pranzo solidale con tanta gente che collabora e una bellissima atmosfera».

La presentazione ufficiale si è aperta con l’inno nazionale ed il discorso del sindaco Giancarlo Muzzarelli, che ha sottolineato l’importanza della collaborazione e della coordinazione dei volontari e delle associazioni partecipanti. Un plauso rinnovato anche dall’assessore al welfare Giuliana Urbelli: «Un ringraziamento grandissimo ai volontari di Croce Blu, di Auser, Anteas e naturalmente ai Lions, che ogni anno consentono a tante persone di pranzare insieme. Portare 100 persone, spesso con la sedia a rotelle, non è facile».

Ciò che colpiva era la compresenza di un largo numero di giovani che serviva gli anziani portando loro le pietanze. È stato infatti preponderante il servizio offerto dai membri del Leo Club, il ramo giovanile del Lions club. «Questa immagine - ha affermato il giovane Nicolas Vacchi, presidente distrettuale del club - ha certamente un effetto positivo ed emozionante. Arriviamo stanchissimi da un consiglio nazionale dei Leo a Bra e venire qui prima di Natale con questo clima, con queste persone che hanno un bisogno particolare nell’ambito sociale è per noi molto importante».
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon