Quotidiani locali

Fonderia S. Possidonio sforna giovani e cresce

L’azienda del Gruppo Mazzucconi è passata da 100 a 200 lavoratori in 4 anni grazie ai corsi per tecnici delle linee robotizzate. E ora la produzione si amplia

Negli ultimi quattro anni ha raddoppiato il numero dei dipendenti, assumendo oltre 100 persone per un organico che oggi supera i 200 collaboratori, e nell'ultimo biennio ha investito 15 milioni di euro per installare nuove linee produttive automatizzate. Sono i numeri che caratterizzano la crescita recente della Fonderia San Possidonio, un’azienda in grado di registrare incrementi importanti investendo sulla formazione di nuove figure professionali.

Fonderia San Possidonio fa parte del gruppo Mazzucconi, che da più di un secolo è attivo nel settore della fusione e della lavorazione dei metalli. Il gruppo ha sede a Ponte San Pietro (Bergamo) e può contare su sette stabilimenti produttivi in Italia; c’è anche una sede di rappresentanza a Monaco di Baviera, in Germania. Mazzucconi realizza getti in lega di alluminio, fusi in conchiglia a gravità o a bassa pressione e in pressofusione, lavorati meccanicamente e poi assemblati. La produzione è interamente dedicata all’automotive ed è destinata ai più grandi gruppi del settore. Nel 2017 il gruppo stima un fatturato di circa 170 milioni di euro. Sono stati dieci i diplomati che hanno partecipato al corso di formazione per la qualifica di “tecnico di fonderia su isole robotizzate”, promosso da Fonderia San Possidonio in collaborazione con Adecco; in particolare il progetto ha previsto 300 ore di formazione di cui 180 di aula e 120 di stage in azienda, avvalendosi anche della consulenza di docenti dell’Università di Padova.

«È un progetto molto importante - ha detto Roberto Spagnolo, direttore di stabilimento - Per noi la formazione delle risorse umane è fondamentale, abbiano infatti la necessità di avere al nostro interno figure professionali altamente formate con competenze specifiche; personale che difficilmente riusciamo a trovare sul mercato del lavoro».

Questo non è il primo progetto di formazione che Fonderia San Possidonio promuove; nel corso degli ultimi due anni l’azienda ha organizzato diversi corsi per diplomati che hanno permesso l’inserimento in azienda di nuove figure professionali. Nell’ambito del progetto alternanza scuola/lavoro, sono state attivate strette collaborazioni con istituti tecnici e professionali. La sede di San Possidonio si estende su una superficie produttiva di 10.000 metri, dal 2010 ad oggi ha raddoppiato il numero di dipendenti superando le 200 unità. L’85% della produzione è rivolta all’export; tra i clienti principali ci sono i più prestigiosi marchi del settore automotive: Bmw, Porsche e Fca. Fonderia San Possidonio rappresenta per il gruppo Mazzucconi un’unità produttiva strategica: nel biennio 2015-2017
sono stati investiti 15 milioni di euro per l’ampliamento della sede e la modernizzazione degli impianti in un’ottica di industry 4.0. Per il 2018 sono previsti altri 5 milioni di euro per le nuove linee produttive legate a importanti commesse nel settore dell’automotive.



TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik