Quotidiani locali

Camposanto. Svaligiata la casa di Palma Costi Rubati soldi e ori dalla cassaforte

Colpo serale ai danni della conosciuta esponente politica e assessore regionale alla Ricostruzione I ladri eludono l’allarme ed entrano da una portafinestra di via Giannone. Indaga la scientifica

CAMPOSANTO. C’è anche una vittima illustre dei ladri che negli ultimi tempi stanno infestando in orario pomeridiano le case del territorio. Si tratta dell’assessore regionale Palma Costi, funzionario pubblico, da una vita nella politica, quale - tra l’altro - ex sindaco di Camposanto, ex assessore provinciale, ex assessore a Modena e attuale esponente Pd di primo piano del Governo regionale, con deleghe alle attività produttive e alla ricostruzione.

Il furto risale all’inizio della settimana, quando se ne sono registrati numerosi altri e di varia natura, ai danni di famiglie di Camposanto e dei dintorni.

L’ultimo colpo che aveva destato scalpore in paese è stata l’intrusione notturna in una abitazione. Dove, mentre i proprietari dormivano, i ladri si sono presi valori, capi di abbigliamento e persino un’auto del valore di 70mila euro, poi ritrovata a Parma. Ma ieri in piazza si parlava solo del furto ai danni della famiglia Costi, in via Giannone.

L’assessore e un famigliare sono rientrati poco dopo le 21 a casa, trovando tutto sottosopra. I ladri sarebbero infatti riusciti ad eludere il sistema d’allarme, di cui l’abitazione è dotata, arrampicandosi da una portafinestra, come accade in questi casi. Una volta all’interno dell’alloggio, forse utilizzando un flessibile elettrico, sono riusciti ad aprire un cassetto blindato, prendendosi i soldi, circa 1000 euro, ori e valori anche dal valore affettivo.

Si aspettavano probabilmente di trovare molto di più, ma non ci sono riusciti.

Fatto sta che è immediatamente partita la segnalazione ai carabinieri. Il vicinato riferisce che poco dopo c’erano sul posto anche i militari del reparto scientifico, alla ricerca di tracce e impronte che possano rivelarsi utili alle indagini che sono state avviate.

Non è chiaro infatti se la famiglia Costi - che in questi giorni sta incassando la solidarietà di amici

e colleghi di partito a conoscenza dell’accaduto - fosse nel mirino preciso della banda, consapevole dell’illustre vittima. O se invece si sia trattato di una delle tante incursioni “a caso” che si registrano ormai sistematicamente, di pomeriggio con il buio o nella notte.
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon