Quotidiani locali

Fiumalbo dice addio ad Augusta

Tra le prime maestre fu anche il sindaco che rilanciò il paese. Oggi il funerale 

FIUMALBO. Una fondamentale figura della comunità fiumalbina è scomparsa lunedì all’età di 98 anni. Augusta Serafini nasce a Fiumalbo nel 1919, diventa maestra all'età di 18 anni e comincia la sua gavetta di insegnante nei vari paesini dell’appennino modenese. Dopo i vari spostamenti riesce a rientrare nel suo paese natale trovando sistemazione nella piccola scuola della frazione di Rotari. «Erano tempi in cui nevicava veramente - raccontava ai suoi ex alunni quando la andavano a trovare - partivo da Dogana (frazione nella quale abitava) con i miei “scarscioni “ (rudimentali ciaspole in legno) senza sapere mai se sarei arrivata a scuola o se mi sarei affogata nella neve. Mi offrivano ospitalità , sia all’andata che al ritorno, le famiglie che incontravo durante il mio cammino, offrendomi una bevande calda e un posto vicino alla stufa accesa in modo che potessi ripartire almeno un po' asciutta e riscaldata. Le strade secondarie venivano spalate a mano ed erano i genitori dei miei alunni che mi aiutavano ad arrivare a scuola». Dopo i bellissimi anni trascorsi a Rotari, Augusta riesce ad avere un posto nella sua amata Dogana ed è lì che porta a termine la sua carriera di insegnante. Nella sua lunga vita vissuta all’insegna dell’umiltà viene eletta sindaco del Comune di Fiumalbo. Nel 1973 muore il sindaco Colò, Augusta, esponente di spicco della Democrazia Cristiana, prende il suo posto fino alla fine del mandato e, nel 1975, viene riconfermata a seguito delle elezioni amministrative rimanendo in carica per un altro anno, per poi dimettersi nel 1976. Augusta nel suo breve mandato compie opere importanti adottando provvedimenti per lo sviluppo dell’edilizia residenziale e turistica e promuovendo numerose opere pubbliche per qualificare il centro di Fiumalbo. Realizza il poste dopo il tunnel, sistema piazza Giambi, costruisce ponti e parcheggi, restauro ed amplia il palazzo comunale, crea l'importante polo sportivo in località Lago. Dopo i 3 brevi ma intensi anni nei quali non ha mai lasciato i suoi alunni di Dogana, si ritira definitivamente nella sua amata
scuola portando a termine la sua carriera. Augusta rimane lucida fino a sabato sera e se ne va a letto dopo aver ultimato il suo ultimo riquadro di parole crociate. Purtroppo domenica mattina arriva il malore che le sarà fatale lunedì. Il funerale oggi alle 15 nella chiesa di Fiumalbo.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon