Quotidiani locali

Bomporto, otto banditi assaltano negozio

Sorbara, minacciano i testimoni e svuotano la macelleria Vincis. «Presi pacchi regalo per 5.000 euro»

BOMPORTO. I sacrifici di chi lavora onestamente tutti i giorni, mandando avanti la propria attività con quel fare semplice e gioviale delle piccole botteghe di paese, spazzati via dall’irruenza di otto banditi che non si sono fermati davanti a nessuno.

Nemmeno davanti a chi li ha visti assaltare il negozio come un commando. Come fossero i padroni. Supera ogni tollerabilità l’incursione subita dalla macelleria di via Pitagora a Sorbara. Mercoledì alle 23 è stata svaligiata di diversa merce pregiata e costosa. E nonostante questo il titolare, Agostino Vincis, non ha perso la voglia di farsi coraggio con un sorriso.

«Ho compiuto gli anni il 17 dicembre, mi hanno fatto la festa - dice - è stata una scena da film: alle 23 mi è squillato il cellulare perché è collegato all’allarme. E dopo mi ha telefonato il marito della lavandaia qui a fianco dicendomi: “Corri subito, ti hanno aperto il negozio”. Quando sono arrivato c’erano già i carabinieri. Ma un ragazzo che passava di lì ha visto tutto: erano in otto. Sono arrivati a bordo di due Bmw e due tizi sono rimasti in auto, mentre gli altri sei, tutti incappucciati, sono scesi. Dopo di che con un piede di porco hanno provato a scassinare la porta a vetri d’ingresso, ma non ce l’hanno fatta. Così l’hanno sfondata. E quando si sono accorti di essere osservati hanno gridato al ragazzo: “Vai dritto, vattene”. Poi sono entrati».

Razziando a più non posso.

«Avevo allestito i tavoli in vetrina per il Natale domenica - spiega Agostino - li hanno svuotati: prosciutti, salami e formaggi sono spariti. Così come dei prosciutti che avevo appena disossato e ad altri tranci di salume che erano nel frigo. Ma si sono portati via anche delle ceste natalizie, dei cotechini, del guanciale, e delle bottiglie di vino pregiato. E pure i salumi sul banco e sulla

spalliera. Tutta merce pregiata: complessivamente il valore è tra i 4 e i 5mila euro. Pensavo fosse un buon Natale, invece… Ma ringrazio colleghi e clienti, soprattutto le vecchiette, che non mi hanno fatto mancare la loro solidarietà».

Valentina Corsini
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon