Quotidiani locali

Vai alla pagina su Zero14
Sassuolo: che bel clima in classe se si legge ad alta voce

Sassuolo: che bel clima in classe se si legge ad alta voce

Il progetto alla media da Vinci di Sassuolo punta all’integrazione  Un libro per creare legame e confronto, fin all’incontro con l’autore

L’inclusione, nelle classi terze della scuola secondaria inferiore Leonardo Da vinci di Sassuolo, passa (anche) attraverso la voce. Dalla lettura, ad alta voce, di storie che nascono in punta di dita, di romanzi di un autore che cesella le parole e le trasforma in trame di bellezza, da scelte generose, da entusiasmo contagioso e dalla convinzione che siamo noi, adulti, formatori, insegnanti, genitori a dover fare tutto ciò che è possibile perché i ragazzi si sentano compresi, perché si sentano integrati, perché non si sentano diversi. L’aspetto più interessante di questo progetto che si costituisce di molte sfumature e tasselli ma che, in sintesi, si condensa nell’incontro, il 14 febbraio, con Gabriele Clima, Premio Andersen 2017 per il romanzo “Il sole tra le dita”, è proprio il filo conduttore della “voce”.



“Mi sono resa conto – racconta Paola Savigni, l’insegnante che ha dato il via al progetto - che i ragazzini e le ragazzine, magari con genitori provenienti da altri paesi, con altre tradizioni, di altra religione, ma non solo loro, a volte faticano a sentirsi parte della comunità, della classe stessa. E allora ho pensato di cercare un collante, un legame, che potesse creare dialogo e confronto, che potesse allungare una mano, spingere alla comprensione dell’altro. Avevo letto i romanzi di Gabriele Clima e ho pensato di acquistarne qualche copia per una lettura ad alta voce in classe”.

Eccola, la voce. Dare voce, trovare una voce, ascoltare le varie voci. “Soprattutto in “Continua a camminare” – continua l’insegnante - Clima descrive e racconta l’integralismo islamico, ma anche l’Islam moderato, accompagna a conoscere le sfaccettature di una cultura e di una religione che a noi arrivano solo frammentate, spesso nelle loro accezioni peggiori. E lo fa attraverso le storie di due ragazzini, un maschio e una femmina. Ho pensato che potesse essere interessante condividere questa storia. Quando ho iniziato a leggere mi sono accorta che erano tutti rapiti. Qualcuno ha voluto subito il libro e lo ha terminato in pochissime ore e giorni. Ma anche i meno abituati a leggere, grazie alla lettura ad alta voce, condivisa in classe, hanno potuto entrare in questo mondo. E avvicinarsi anche alla ricchezza e alla bellezza di una bella storia, delle parole, dei libri. E’ compito nostro cercare di trovare strumenti e percorsi scolastici che accompagnino in modo discreto ma efficace i ragazzini a sentirsi parte della comunità e a sentire il desiderio di viverla con passione, con amore, con … presenza, da cittadini”.

Paola Savigni, le copie che ha portato in classe, le ha acquistate con parte del suo bonus scuola. Ed è interessante anche questo ritenere quel bonus un bene comune da condividere, per dare voce alle solitudini, per dare voce alla speranza, alla fiducia. Dopo la lettura in 3B i romanzi “Continua a camminare” e “il sole tra le dita” passano nelle altre tre sezioni del plesso. Gli insegnanti Paola Savigni, Jolanda Fiandri, Lidia Montermini e Andrea Tanzi il 14 febbraio, giorno di San Valentino, infine porteranno i ragazzi all’incontro con l’autore. “I ragazzi stanno già scrivendo un sacco di domande” affermano. Il progetto “Che bel Clima c’è in classe” ha preso il via. E sembra aver, decisamente, trovato la “sua” voce.

Monica Tappa
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon