Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Modena e provincia, qualche cassonetto bruciato nella notte di festa ma nessun ferito grave

Bilancio decisamente migliore rispetto ai Capodanno passati quello fornito dai vigili del fuoco e dal 118 relativo agli interventi nella notte dei festeggiamenti

MODENA. Un bilancio decisamente positivo, rispetto agli anni passati, quello che arriva dalla notte di lavoro dei vigili del fuoco di Modena e provincia. Come ogni anno a vigilare sui festeggiamenti, oltre allo spiegamento di forze dell'ordine con pattuglie di polizia, carabinieri e polizia municipale, c'erano i vigili del fuoco della caserma di Modena e di tutti i distaccamenti sparsi sul territorio provinciale.

Il bilancio degli interventi di San Silvestro-Capodanno parla di alcuni cassonetti bruciati e poco più. Molto di meno rispetto agli anni passati. Nello specifico le autobotti sono uscite per un incendio di cassonetto a Fanano, uno a Carpi in via Menotti angolo Berengario, un altro a Castelvetro. E ancora a Modena in via Perù, a Sassuolo in via Aravecchia.

La notte di Capodanno, per gli operatori sanitari della Centrale Operativa del 118 e dei Pronto Soccorso della provincia di Modena, è trascorsa in modo relativamente tranquillo. Gli accessi ai Pronto Soccorso provinciali non hanno fatto registrare particolari picchi e anche il numero di persone che hanno manifestato problemi per intossicazione da alcool è risultato nella media rispetto agli anni passati.

Nessun accesso riconducibile allo scoppio di petardi ai Pronto Soccorso del Policlinico e dell’Ospedale di Baggiovara: pochi casi di indigestioni e una decina di pazienti con abuso etilico, sono il bilancio che si può considerare positivo dei festeggiamenti di San Silvestro. Tre feriti lievi, senza conseguenze, negli altri PS della Provincia – Mirandola, Sassuolo, Carpi, Pavullo e Vignola – e 5 casi di eccessi alcolici. Tutti questi pazienti sono stati trattati e dimessi.

Si tratta di dati nella media di una normale notte prefestiva. Per quanto riguarda la Centrale Operativa 118, dalle 20.00 del 31 dicembre alle 10.00 del primo giorno del nuovo anno, sono state complessivamente 115 le richieste di intervento, anche in questo caso un dato nella media di questo periodo.