Quotidiani locali

Il primo nato del 2018 si chiama Marco

Tredici minuti dopo la mezzanotte i primi vagiti. Dopo di lui è toccato ad Andrea a Sassuolo e poi a Cristina a Carpi

Il primo a venire al mondo a Modena è stato Marco Catalanotto che ha salutato il 2018 dopo un travaglio durato poco più di due ore.

I registri del Policlinico, dov’era ricoverata la madre Antonella Barbera, 31 anni, hanno annotato l’orario spaccando il minuto: 13 minuti dopo la mezzanotte Marco è nato ed è stato messo tra le braccia della mamma e anche del felicissimo papà Domenico, 42 anni, militare della Guardia di Finanza. Lui ora dovrà dividere il suo pendolarismo tra Mantova, la sua sede di lavoro, e Gaggio di Castelfranco dove vive la famiglia. Felici per il parto del primogenito i due genitori, entrambi originari di S.Margherita Belice (Agrigento), da moltissimi anni residenti in provincia di Modena, per ora non fanno progetti sul bebè. «L’unica certezza che abbiamo - dicono con una sola voce - è che gli vorremo bene; speriamo che cresca sano e che possa realizzarsi come desidera».

Dopo aver controllato il suo peso, 3 chili e 140 grammi, i sanitari e le ostetriche hanno fatto gli auguri alla mamma: lui si è addormentato senza problemi. Quanto alla madre, in ottime condizioni di salute, ora potrà occuparsi del neonato a tempo pieno e tra qualche mese potrà tornare nel supermercato dove lavorava e dove è responsabile delle casse.

Quattro ore più tardi è arrivata, sempre al Policlinico, Melissa Badiali, residente a San Cesario, figlia di Emanuela Lifonso e Christian Badiali che è venuta a far compagnia alla sorellina. A lei l’onore di essere la seconda nata della giornata per la città di Modena e la terza in provincia. Anche lei sta bene e ieri mattina era in attesa della possibilità della prima poppata.

La piazza d’onore assoluta, ovvero a livello provinciale, spetta invece ad Andrea Garuti, nato alle 3.30. Il bimbo, venuto alla luce con un parto cesareo da mamma Loredana Esposito, pesava alla nascita 3.480 e va ad aggiungersi all'altro figlio della coppia, Achille. La madre, scandianese di nascita, ha 34 anni; il padre formiginese, e responsabile di produzione in una ditta di Casinalbo.

Entrambi hanno scelto come residenza Casalgrande ma di comune accordo hanno deciso che il parto avvenisse a Sassuolo.

Per un brevissimo arco di ore invece altri bebè non sono entrati nell’albo d’oro dei primi nati dell’anno nuovo ma hanno avuto il privilegio di chiudere con il loro arrivo il 2017. L’ultimo nato di Modena è Antonio, nato alle 19.47 e pesa 3,347 grammi.

Si tratta di Agata, 3.180 grammi, figlia di Elena e Filippo che è nata all’ospedale di Mirandola. A Sassuolo l’ultimo nato è Ergis, un maschietto di 3 chili di peso, figlio di genitori albanesi, mamma Marcela e papà Paqsor.

Con gli ultimi parti si nota un’incremento delle nascite visto che sono state, sino al 29 dicembre, 2.872; quindi già più delle 2.859 registrate sino al 31 dicembre del 2016.

Un altra particolarità, sempre dal punto di vista statistico, è l’incremento delle nascite da parte
delle coppie italiane.

Infatti negli ultimi anni i primi nati di Modena e provincia erano figli di genitori con un passaporto straniero. Per ragioni anagrafiche o per altre scelte personali il numero delle nascite di coppie italiane è in ripresa.

Saverio Cioce

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik