Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

«Ragazzini devono fuggire dalla calca del palazzetto di Sestola»

SESTOLA . È stata una festa di fine anno da record quella al palazzetto dello sport di Sestola: l’evento “Cim1” ha fatto 4mila presenze, in gran parte dalla pianura. Ma tanto afflusso verso le 0.30...

SESTOLA . È stata una festa di fine anno da record quella al palazzetto dello sport di Sestola: l’evento “Cim1” ha fatto 4mila presenze, in gran parte dalla pianura. Ma tanto afflusso verso le 0.30 ha creato anche una spiacevole situazione per un gruppo di una ventina di adolescenti (16-17 anni) venuti su da Modena, segnalata da tre genitori. «I nostri figli – racconta C.G., madre di un 16enne – pur avendo acquistato a 35 euro il biglietto (la maggior parte in prevendita, gli altri verso le 22), sono stati spintonati fuori nella calca incredibile che si era creata al deposito guardaroba. Tanto da far piangere anche alcune ragazze che temevano il soffocamento. Sono stati praticamente tutti costretti ad abbandonare la festa e a trascorrere il resto della serata fuori, come altri ragazzini». «Ci sono state anche crisi di panico – dice E.G., madre di un altro 16enne - e mentre loro si trovavano in questa situazione, spinti fuori da altri ragazzi, continuavano a far entrare gente. Delle ragazzine non hanno neanche potuto prendere il giubbotto e si sono ritrovate fuori con solo la camicetta, tra il gelo che c'era. Per fortuna lì vicino c'era un genitore che ha potuto portarli a casa sua, a Sestola. Ma non si può mai sapere come va a finire quando si scatena la paura nei grossi eventi: andava gestita meglio». «Mia figlia 17enne ha preso un gran spavento – ribadisce suo padre S.M. - non devono capitare queste cose».

«Ci dispiace se alcuni ragazzi non hanno potuto passare la serata che sognavano - sottolineano gli organizzatori della Cim1 - ma da mezzanotte all’1.45 si è creato un flusso eccezionale di persone. Una cosa che non capita mai in un locale. Non ci risulta nessun intervento di soccorso, neanche per crisi respiratoria, e riteniamo che il personale di sicurezza abbia fatto un gran lavoro con un tale flusso, che non ha portato a nessun danno alla struttura. Ma ci scusiamo per l’inconveniente». (dm)