Quotidiani locali

Vai alla pagina su Emotion
Brindisi alla felicità

Brindisi alla felicità

Anno nuovo, vita nuova. Si dice così, no? Non so se conta la fine di un anno per cambiare quello che non ci va, o per sperare in un po’ di fortuna.Non so nemmeno dirvi se mi ricordo davvero un anno...

Anno nuovo, vita nuova. Si dice così, no? Non so se conta la fine di un anno per cambiare quello che non ci va, o per sperare in un po’ di fortuna.

Non so nemmeno dirvi se mi ricordo davvero un anno che vorrei non si ripetesse perché troppo funesto. Forse il 2007 ma non ci giurerei. Ho il vizio di cancellare dalla memoria quello che negli anni mi ha fatto del male, ma di ricordarmi per sempre quando sono stata felice.

Ho un anello al dito ed una promessa da firmare, non posso di certo dire che l’anno vecchio sia stato infelice per me.

Le paure me le porto dietro dal 1987, come i miei difetti e il mio caratteraccio. Non conta cambiare anno, anzi, più invecchio più diventano inevitabilmente mie caratteristiche.

Più che brindare al nuovo anno, io brinderei ad essere ancora sorridenti e con voglia di far festa e di stare insieme, non brindo a l’anno in più che mi fa vecchia ma brindo al fatto che nonostante un anno in più io sia felice.

Brindo nonostante Saturno nel segno e qualche cosa che non va, festeggio quello che di bello mi aspetta senza pensare alle difficoltà.

La festa infondo é anche questo: il momento “pensieri zero” in cui si esprime il desiderio di poter essere sereni il più a lungo possibile.

I sogni che siano grandi o piccoli meritano tutte le nostre forze per essere esauditi, dovremmo non pensare alla paura nè alle tristi eventualità, ma solo alla
voglia di vedere espresso quello a cui miriamo.

Quindi, che il 2018 sia un grande anno per tutti, con più felicità possibile, la giusta dose di serenità e le persone che amiamo sempre vicine (che è davvero la più gran fortuna!).

Auguri!

* MakeUp Artist

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik