Quotidiani locali

Vai alla pagina su Emotion
Gudon, una magia altoatesina

Gudon, una magia altoatesina

Lo scorso mese, in concomitanza del ponte dell'Immacolata, mi sono recata in Alto-Adige e più precisamente in Valle Isarco. Anche se la neve era già caduta ed alcune piste erano innevate, il mio...

Lo scorso mese, in concomitanza del ponte dell'Immacolata, mi sono recata in Alto-Adige e più precisamente in Valle Isarco. Anche se la neve era già caduta ed alcune piste erano innevate, il mio scopo era quello di visitarne i paesi e calarmi nell'atmosfera pre-natalizia che sanno trasmettere questi luoghi. In realtà però, queste zone sono belle e visitabili tutto l'anno, specie in autunno, quando i colori diventano intensi e caldi. Quello che mi interessava, era vedere anche i paesi meno conosciuti, perchè meno caotici e turistici. Soggiornando a Gudon, abbiamo prima di tutto visitato questo piccolo borgo, adagiato su sette colli, dal più alto del quale si ammirano le splendide Odle, gruppo dolomitico fra i più belli.

Gudon si trova a 2 km da Chiusa, sulla strada per la Valle di Funes, dove vi consiglio di fare un salto, anche solo per godere del magnifico panorama dalla romantica chiesetta di San Giovanni in Ranui. È uno dei punti più fotografati di tutta la valle ed un luogo di grande pace e bellezza. Velturno è un altro paese molto interessante, sia per le magnifiche vedute, sia per il castello, risalente al XVI secolo, un tempo appartenuto ai principi vescovi di Bressanone. A breve distanza troviamo Villandro, famoso per i suoi campanili e le sue chiese in posizione panoramica.

L'alpe di Villandro è una delle più belle durante il periodo estivo e le sue miniere, dalle quali si estraevano minerali importanti tra cui l'argento, sono visitabili su appuntamento durante tutto l'anno. Barbiano è il paese più caratteristico di tutti. Il suo campanile storto è uno dei tanti che si trovano nella nostra Italia, ed è uno dei simboli del borgo. La pendenza è dovuta al fatto che parte della sua base appoggia su roccia e parte su terra. Il vero emblema del paese però sono le Tre Chiese. Si raggiungono tramite un sentiero pedonale e sono visitabili al loro interno solo durante la bella stagione, ma dall'esterno sono sempre visibili. Sono tre chiesette in legno, immerse nel verde dei boschi alto-atesini.

Durante l'inverno possono essere raggiunte anche tramite un servizio taxi in partenza dal centro del paese. Mentre scenderete da Barbiano per andare verso Chiusa, avrete una bellissima vista su Castel Trotstburg a Ponte Gardena. Raggiungibile solo a piedi, è visitabile con la bella stagione. E' stato un vero peccato, trovare tutti questi manieri chiusi, visto anche la mole del turismo invernale in queste zone! Altra splendida passeggiata è quella che da Chiusa porta al Monastero di Sabiona. 30 minuti di cammino tra vigneti e panorami

mozzafiato. Assolutamente consigliata in autunno!! Per ulteriori informazioni sulla zona e cosa visitare, potete consultare il mio sito www.viaggiareconlaura.com, oppure venirmi a trovare su facebook, alla pagina Viaggiare con Laura. Buon anno a tutti!


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik