Quotidiani locali

Modena. Per lo stesso caso giudice di pace firma due sentenze opposte

L’errore: lo stesso giorno condanna 2 donne per infrazione e poco dopo fissa un’altra udienza che ribalta la decisione

MODENA. Durante l’udienza il giudice di pace si convince subito che le ricorrenti contro la multa hanno torto e scrive in calce al verbale una sentenza che le condanna a pagare. Poi mette il fascicolo fuori posto e poche ore dopo, non trovandolo, riscrive l’atto fissando un’altra udienza che terminerà con una seconda sentenza. Ma deciderà in modo opposto alla prima: accoglierà il ricorso annullando la multa. In cancelleria, però, depositerà una motivazione uguale alla prima sentenza.

Insomma, la stessa causa ha avuto due sentenze contrapposte. È dovuto intervenire il giudice del Tribunale Civile di Modena per rimettere ordine e stabilire che per legge vale solo la prima sentenza: la seconda è nulla.

La gaffe del giudice di pace di Modena, rara se non unica nel suo genere, è emersa con la recente pubblicazione della sentenza del Tribunale Civile Ordinario, su ricorso delle automobiliste. È riepilogato l’intero caso scaturito dalla contestazione di una multa particolare. Una sanzione “salata” comminata dalla polizia municipale di Modena dopo che le due automobiliste avevano sterzato a bassa velocità in una corsia preferenziale schiantandosi contro un bus. Il loro avvocato aveva presentato ricorso contro il Comune e l’8 ottobre 2015 si è svolta l’udienza davanti a un giudice di pace in via San Pietro. Il difensore aveva chiesto un’istruttoria per chiarire in dettaglio l’accaduto e cercare di annullare la multa. Il giudice invece ha preso una decisione immediata e ha scritto una sentenza in calce all’atto. «Ritenendo sufficiente ed esaustivo il rapporto della polizia municipale», concludeva con il rigetto della ricorso delle due modenesi e le obbligava a pagare la multa. Il verbale è stato sottoscritto dal solo giudice di pace. Tutto regolare: la prassi era corretta.

Caso chiuso.

Senonché poche ore dopo il giudice non torva più il fascicolo. Forse non lo aveva messo da parte o forse non l’aveva spuntato dalle cause a ruolo. Con l’avvocato del Comune “ricostruisce” il caso dimenticando di aver firmato una sentenza. L’udienza bis della causa resuscitata termina con un rinvio d’udienza al mese successivo. Il giorno della seconda udienza, il 18 novembre, si presenta l’avvocato delle ricorrenti: ha saputo per caso che la causa, ufficialmente chiusa con esito negativo, era stranamente ancora aperta. Trova in aula lo stesso giudice che riprende in mano il fascicolo come se non ci fosse mai stata una decisione, ed emette una seconda sentenza. L’esito di questo dispositivo è esattamente l’opposto del primo: accoglie il ricorso delle due automobiliste multate.

Del pasticcio ci si accorge però solo col deposito in cancelleria della seconda sentenza. La motivazione della seconda sentenza risulta addirittura conforme al contenuto della prima. A questo punto ci si accorge della gaffe madornale e ci si rivolge al Tribunale Civile per chiarire l’accaduto: la difesa delle due automobiliste impugna l’atto del giudice onorario e lo porta davanti a un giudice togato in corso Canalgrande. Il nuovo giudice è categorico: per legge vale la prima sentenza, a meno che non sia provato che è falsa. Ma non è questo il caso. Scrive il giudice: «Tutto ciò che è accaduto dopo il deposito del primo dispositivo è giuridicamente inesistente, con riferimento alla ricostruzione

del fascicolo nella stessa udienza e al rinvio ad latra udienza, con pronuncia del secondo dispositivo. Questo secondo dispositivo è radicalmente nullo, se non inesistente, mentre la sentenza oggi impugnata è valida pur se emessa al termine di un iter alquanto singolare».
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon