Quotidiani locali

LA BRISCOLA DEI CANDIDATI

Perché è fondamentale la scelta dei candidati in vista delle prossime Politiche? Perché in un probabile risultato finale senza vincitori in grado di governare da soli, la conta dei vinti partirà dai...

Perché è fondamentale la scelta dei candidati in vista delle prossime Politiche? Perché in un probabile risultato finale senza vincitori in grado di governare da soli, la conta dei vinti partirà dai numerosi collegi uninominali che un tempo erano “sicuri” per una parte o per l’altra e che oggi non lo sono più: in uno scenario tripolare o quadripolare che rende ovunque le sfide più incerte e in assenza di un ballottaggio come per i sindaci che consente convergenze o anche doppi giochi in un secondo momento. Più ancora del numero dei seggi (il sistema prevalentemente proporzionale riduce il peso dei collegi uninominali rispetto ai tempi del Mattarellum) conterà il dove si è vinto o perso, presentando chi si è vinto o perso: con un plusvalore anche simbolico. Ad esempio, anche le terre rosse di fatto blindate fino al 2013 diventano oggi contendibili o forse, per meglio dire, perdibili da parte di Pd e alleati, stante l’avanzata M5S e la fuoriuscita sanguinante dei Liberi e Uguali. Emilia compresa, certo: in una partita a scacchi in cui il contrapporre una regina o un alfiere a un semplice per quanto solerte pedone può cambiare tutto. Già da queste scelte si misureranno in parte i reali obiettivi di chi magari non è in grado di vincere il collegio ma può far perdere il favorito storico o l’avversario meno amato, giocandosi un asso o almeno una buona briscola. Ma soprattutto si capirà dai nomi scelti la capacità residua dei partiti di individuare candidati capaci di essere in collegamento stretto e vivace con il territorio, in sintonia con l’elettorato rimasto fedele o addirittura in grado di intercettare con un sussulto sul filo di lana una frangia anche minima di astensionismo. Difficile che questo riesca se le candidature dipenderanno solo dalle alchimie tra le anime di uno schieramento, se avranno lo stesso respiro delle stanze chiuse in cui si è tornati
a prendere le decisioni (c’erano una volta persino le primarie, ad esempio nel Pd...) , se a contare sarà il cursus honorum di un aspirante onorevole più che la sua spinta innovativa o forza evocativa. Ma difficile, se sarà così, anche evitare grossi Casini (e non solo a Bologna).

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon