Quotidiani locali

Nasce anche un blog sull’immigrazione per integrarsi meglio

Iniziative in occasione della festa del patrono di mercoledì Musei del Duomo gratis e cripta aperta fino al 3 febbraio

Mercoledì, giorno di san Geminiano, sono previste numerose iniziative tra il Duomo e la chiesa di San Francesco, al termine di corso Canalchiaro. Nei due edifici, infatti, si tengono le celebrazioni liturgiche alla presenza del vescovo Castellucci e anche Enrico Solmi, modenese vescovo di Parma, Lino Pizzi, vescovo di Forlì-Bertinoro e Giuseppe Verucchi, arcivescovo emerito di Ravenna-Cervia. Ecco il programma completo ora per ora. Si parte martedì con la celebrazione dei Primi Vespri Pontificali alle ore 17.15 nella Cripta della Cattedrale. Alle 17 i Canonici del Capitolo Metropolitano, in abito corale, i parroci e numerosi sacerdoti accompagneranno il vescovo nei pochi metri dall'Arcivescovado al vicino Duomo. La messa Vespertina della Vigilia - officiata dal vicario generale Giuliano Gazzetti - si tiene alle 18, sempre nella cripta che ospita la tomba del patrono Geminiano poiché la chiesa è sottoposta ancora a lavori strutturali interni. Al termine della messa si parte dalla cattedrale con una fiaccolata in direzione della chiesa di San Francesco per accompagnare il “braccio” con le reliquie del santo patrono: qui alle 21 è prevista una veglia di preghiera. Programma naturalmente denso il 31 gennaio. Si parte, sempre alla cripta, con la celebrazione eucaristica delle 7 con don Paolo Notari, mentre tutte le altre celebrazioni si svolgeranno in San Francesco a partire dalla celebrazione delle 8 tenuta dal vescovo Solmi. La celebrazione dell’ora seguente è del vescovo Lino Pizzi, cui seguirà - alle 11 - la solenne “Concelebrazione Pontificale” con vescovi e sacerdoti in rappresentanza del presbiterio diocesano. Dalle 14,30 alle 17 è prevista la “Venerazione delle reliquie di san Geminiano” cui seguono i secondi Vespri Pontificali con il vescovo Castellucci. Messa alle 18 con monsignor Verucchi.

La Diocesi ha inoltre deciso che il giorno di San Geminiano i musei del Duomo di via Lanfranco sono gratuiti (dalle 9,30 alle 18,30 per vedere tesori come l’altarolo portatile del XII secolo, la statua del santo del 1376, codici miniati relativi alla fondazione da parte di Lanfranco e Wiligelmo), come gratis è ovviamente la visita della tomba di san Geminiano in cattedrale (si entra nel cantiere fino al 3 febbraio).

Sia il 30 che il 31 la comunità Ortodossa pregherà in chiesa e inoltre c’è l’indulgenza plenaria: si ottiene visitando la Cattedrale in pellegrinaggio, come durante l’Anno Santo, dal pomeriggio del 30 a tutto il giorno seguente compiendo gesti e preghiere cattoliche. Altra novità rilevante - che proseguirà naturalmente alle iniziative per il patrono modenese - è il blog “Nostro spazio” voluto da don Paolo Boschini. «L’idea è nata - spiega il sacerdote responsabile della Consulta della cultura - a partire

dal tanto materiale raccolto per la lettera del vescovo. Ci sono 25 persone che hanno lavorato alla lettera e ci saranno moderatori del blog che leggono prima di pubblicare. Nelle parrocchie da Fiumalbo a Finale Emilia ci sono episodi che meritano di essere conosciuti». (s.l.)

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon