Quotidiani locali

Ferrari, utile netto a 537 milioni (+34%)

Numeri molto brillanti per il 2017 e il titolo in Borsa balza a 103,2 euro. Nel 2018 sono previsti ricavi oltre 3,4 miliardi

Ferrari annuncia il resoconto al 31 dicembre scorso, caratterizzato da utili sempre in rialzo, numeri molto positivi, e il titolo borsistico a Piazza Affari arriva a sfiorare il massimo storico di 103, 8 euro con la quotazione di 103,2 euro (+7,46 per cento) raggiunta alla chiusura di ieri.

Un altro anno importante per la Casa di Maranello che realizza un utile netto di 537 milioni di euro, in crescita del 34% rispetto al 2016.

Buone notizie anche per gli azionisti, e anche questa non è una novità: sarà distribuito un dividendo di 0,71 euro per azione ordinaria, per un ammontare complessivo di 134 milioni di euro.

«È stato un buon anno. Sono felice del punto in cui siamo arrivati, siamo assolutamente convinti che questi risultati saranno durevoli», ha detto il presidente e amministratore delegato Sergio Marchionne, il quale ha poi aggiunto che «la presentazione del Piano industriale ai mercati avverrà probabilmente a settembre».

Per il 2018 la Ferrari prevede oltre 9.000 consegne, incluse le supercar, ricavi netti superiori a 3,4 miliardi, un ebit adjusted di 1,1 miliardi, indebitamento industriale netto inferiore a 400 milioni e spese in conto capitale pari a 550 milioni di euro. L'indebitamento, che a fine 2017 è sceso di 180 milioni a 473 milioni di euro, sarà azzerato non più tardi dell’anno 2021.

Marchionne ha anche parlato di «un periodo molto interessante nello sviluppo dell'ibrido» ribadendo un annuncio che risale a qualche tempo fa»: «Se ci sarà una supercar elettrica i primi a farla saremo noi e avrà le caratteristiche di una Ferrari».

Le consegne nel 2017 sono state 8.398, oltre 380 in più dell'anno precedente (+4,8%). I ricavi netti ammontano a 3,4 miliardi, in aumento del 10% (+11,2% a cambi costanti). Un risultato trainato da un aumento del 25,1% delle vendite dei modelli a 12 cilindri (V12), in particolare la GTC4Lusso e la 812 Superfast, mentre quelle dei modelli a 8 cilindri (V8) sono state in linea con l'esercizio precedente.

Nella regione Emea, dove la crescita è di quasi il 4%, Francia, Italia e Regno Unito hanno messo a segno un incremento a due cifre.

Le Americhe sono cresciute del 4,6% e la regione Asia Pacifico del 12,3%. Cina, Hong Kong e Taiwan, su

base aggregata, sono rimaste sui livelli dell'anno precedente a causa del rallentamento registrato a Hong Kong, dopo la decisione di Ferrari di concludere la collaborazione con il distributore nel 2016 (il nuovo è diventato pienamente operativo nel terzo trimestre del 2017).



TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori