Quotidiani locali

Arrestato spacciatore al “Nazareno”

Un giovane ospite dell’istituto scoperto alla stazione delle corriere con marijuana. Altra droga nell’armadietto del convitto

È stato sorpreso mentre spacciava davanti alla stazione delle corriere di via Peruzzi, nell’ambito di una vasta operazione di controlli antidroga. Così, i carabinieri della Compagnia di Carpi lo hanno fermato e hanno perquisito la stanza in cui era alloggiato, presso il convitto diocesano Nazareno di via Peruzzi. E lo hanno arrestato.

A finire nei guai un 28enne di origine albanese, da svariati anni in Italia. Il giovane, appena arrivato in Italia, era stato ospite di una comunità bolognese. In seguito si è trasferito presso il convitto del Nazareno, nonostante sia domiciliato a Mirandola. In tasca, il giovane aveva 5 grammi di marijuana suddivisi in dosi mentre nella sua stanza i Militari ne hanno rinvenuti altri 35. Il 28enne è ora in stato di arresto con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. In attesa che il Gip convalidi l’arresto il giovane rimane rinchiuso nella camera di sicurezza della caserma dei carabinieri. Impiegati nell’operazione a largo raggio che si è soffermata sugli istituti scolastici, soprattutto durante l’uscita da scuola degli studenti, i Carabinieri di Carpi, il Nucleo Operativo e l’Unità cinofila per un totale di una ventina di uomini, insieme ai cani Igor e Bull. Su impulso dei presidi, infatti, i militari dell’Arma hanno organizzato un imponente servizio anti droga.

«In diverse occasioni entriamo in contatto con le forze dell’ordine o richiediamo il loro intervento - spiega il dirigente del Nazareno, Luca Franchini - Nel caso specifico dello studente appena arrestato, i carabinieri hanno effettuato la perquisizione dell’armadietto. Operazione che noi non abbiamo il permesso di fare. Siamo contenti della sensibilità manifestata dai carabinieri. Poco tempo fa il comandante ha incontrato alcune classi di studenti e, di certo, è stato molto utile».

Sempre nell’ambito della maxioperazione antidroga, è stato arrestato, grazie al fiuto dei due cani, anche un 28enne nigeriano domiciliato a Soliera trovato al Parco delle Rimembranze con alcuni grammi di marijuana in tasca. Anche in questo caso i carabinieri hanno provveduto ad arrestare il nigeriano con l’accusa di detenzione di sostanze ai fini di spaccio.

Il problema della droga fra gli studenti è stato segnalato da tempo da famiglie

di genitori, preoccupati dei loro figli e della possibilità che possano entrare in contatto con qualcuno che fornisca loro sostanze stupefacenti.

Di certo l’operazione dei carabinieri rappresenta un segnale importante nella lotta contro la droga fra gli adolescenti.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori