Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Polveri sottili, un problema da risolvere»

Maranello. Barbolini e Zannoni chiedono interventi in centro. Il sindaco: «Aumenterebbero il traffico»

MARANELLO. Polveri sottili, è botta e risposta tra Lista Civica per Maranello e amministrazione. Da un lato, Luca Barbolini ed Emilio Zannoni sollecitano il sindaco Massimiliano Morini a una maggiore trasparenza, lanciando due proposte; dall’altro il diretto interessato risponde punto su punto alle idee del consigliere e dell’associato alla lista, rimarcando che la trasparenza esiste. L’unico accordo tra le due parti è che l’inquinamento dell’aria sia un problema da risolvere. Per il resto, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MARANELLO. Polveri sottili, è botta e risposta tra Lista Civica per Maranello e amministrazione. Da un lato, Luca Barbolini ed Emilio Zannoni sollecitano il sindaco Massimiliano Morini a una maggiore trasparenza, lanciando due proposte; dall’altro il diretto interessato risponde punto su punto alle idee del consigliere e dell’associato alla lista, rimarcando che la trasparenza esiste. L’unico accordo tra le due parti è che l’inquinamento dell’aria sia un problema da risolvere. Per il resto, le posizioni sono contrastanti. Barbolini e Zannoni pongono il dubbio «che a Maranello i dati delle Pm10 siano perfino peggiori di Fiorano», citando esempi di tratti ad alta frequentazione di auto. Il sindaco replica invece che «tra Fiorano e Maranello la qualità dell’aria è analoga». I politici d’opposizione hanno chiesto all’amministrazione comunale «di fare richiesta all’Arpa della centralina mobile di monitoraggio dell’aria da posizionare in piazza Libertà». Una richiesta che il Comune non intende presentare in quanto «Maranello ha avuto in passato la centralina, che poi Arpae ha spostato a Fiorano». Lo scontro d’opinione più forte riguarda le possibili soluzioni. Barbolini e Zannoni propongono «interventi strutturali di snellimento del traffico, allargando leggermente la rotatoria del centro per consentire a due veicoli di affiancarsi all'imbocco della stessa rotatoria e sostituendo l'impianto semaforico di via Claudia con via Grizzaga con una rotatoria». Un’ipotesi per il sindaco irrealizzabile. «Sarebbe una scelta miope e non trovo possibilità d’accordo - risponde Morini - anche perché aumenterebbe il livello di traffico. Quella rotatoria è il centro di Maranello e lì il traffico non va portato. Sull’immissione a doppia corsia l’accordo non è possibile, come non lo sono due corsie in quel punto. Sono possibili interventi fuori città, a esempio sulla Pedemontana». Il sindaco non commenta il paragone fatto da Barbolini e Zannoni sul centro che «sembra una sorta di camera a gas». Morini replica però alla sollecitazione «di essere più trasparenti sul tema della salubrità dell’aria e della salute della popolazione» posto dai civici, che chiedono di pubblicare «i dati della qualità dell'aria maranellese sul sito del Comune ovvero sui totem presenti in Piazza Libertà». «Arpae e la Regione sono competenti - aggiunge il sindaco - e i dati sulle emissioni sono già pubblicati sui siti di Arpae e aggiornati in tempo reale. La trasparenza esiste già». Così l’accordo resta sul problema dell’inquinamento. «Non lo sottovalutiamo ed è uno dei più complicati - conclude Morini - non solo per Maranello, ma per tutto il nord. Se però gli interventi sono come quelli proposti da Barbolini le distanze sono incolmabili». (g.f.)