Quotidiani locali

Insolvenza per un milione e mezzo: assolto

MARANELLO. Ci sono voluti due anni per chiarire che non ci fu un’insolvenza fraudolenta per l’ingente somma di un milione e mezzo. L’assoluzione è arrivata per il responsabile legale di una piccola...

MARANELLO. Ci sono voluti due anni per chiarire che non ci fu un’insolvenza fraudolenta per l’ingente somma di un milione e mezzo. L’assoluzione è arrivata per il responsabile legale di una piccola ditta di Maranello specializzata nel settore commerciale di materiale per ceramica (era difeso dall’avvocato Massimo Fiorillo). Un’importante azienda ceramica sassolese l’aveva trascinato in tribunale (come parte civile) con l’accusa di aver trattenuto un milione e mezzo di euro pur consapevole che stava per andare a gambe all’aria.

In effetti, la situazione era già difficile per la ditta commerciale, quando ha avviato una partenership con l’azienda ceramica per il commercio di materiale per le piastrelle con terzi. Era il 2014 e le due aziende che lavoravano già insieme avevano stretto un accordo per un business sulle materie prime. Ma la ditta commerciale aveva spiegato di non avere il capitale e così per alcuni mesi aveva utilizzato il milione e mezzo messo a disposizione dalla azienda ceramica.

Ma poco dopo è subentrato un tracollo e la ditta commerciale di Maranello è fallita lasciando irrisolto il problema di quel milione e mezzo.

L’azienda ceramica ha allora denunciato la ditta per insolvenza fraudolenta ed è nata un’indagine condotta dal pm Luca Guerzoni che è arrivata in tribunale.

Ma

la difesa ha avuto buon gioco a spiegare che non si trattava di denaro “trattenuto” con qualche furbizia sapendo del crac imminente quanto piuttosto di un’inadempienza di tipo civilistico più che penale. Alla fine il giudice ha riconosciuto le ragioni della difesa.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon