Quotidiani locali

soliera 

«L’emergenza amianto? Un’accusa strumentale»

SOLIERA. «All’Ona di Carpi chiediamo: se davvero avete a cuore la salute dei bambini, perché avete tenuto nel cassetto i risultati delle analisi e li diffondete solo a distanza di un mese e mezzo, a...

SOLIERA. «All’Ona di Carpi chiediamo: se davvero avete a cuore la salute dei bambini, perché avete tenuto nel cassetto i risultati delle analisi e li diffondete solo a distanza di un mese e mezzo, a ridosso di un’iniziativa pubblica e a un mese dalle elezioni? È questa attenzione alla salute pubblica o ricerca di visibilità strumentale?».

Sono le parole, decisamente stizzite e insinuanti una manovra politica, con le quali il sindaco di Soliera Roberto Solomita replica - dopo l’assessore Bagni - all’associazione, l’Osservatorio Nazioale sull’Amianto che per sabato ha organizzato alle 15 al Nuovo Cinema Teatro Italia di Soliera. un convegno sul tema, nel corso del quale verranno presentati i dati della ricerca dedicata a Soliera.

«Da diversi anni il Comune di Soliera è in prima fila nella rilevazione e nella concreta riduzione dei materiali contenenti amianto presenti sul territorio - ribadisce il Comune - Nel 2015 Soliera è stata tra i primi comuni del modenese ad adottare e mettere in azione un censimento capillare delle coperture contenenti amianto, tramite aerodrone fornito da una ditta leader nel settore; è stato quindi aperto un apposito sportello amianto, al piano terra della sede municipale di piazza Repubblica, e ogni anno viene promosso e finanziato un bando incentivi allo smaltimento da parte dei privati, giunto alla terza edizione».

Il Comune sminuisce i rischi da ingestione di amianto e ribadisce: «Le rilevazioni fornite da Aimag rispetto alla qualità dell’acqua di Soliera, con controlli effettuati più volte all’anno e prelievi in diversi luoghi della rete idrica comunale, hanno sempre certificato l’assenza di amianto. Tuttavia, nell’autunno scorso, l’amministrazione comunale ha incontrato alcuni genitori preoccupati per la possibile presenza di tracce di amianto nell’acqua; è stato chiesto loro di fornire eventuali analisi che potevano far emergere elementi concreti e divergenti dalle analisi Aimag. Solo nel pomeriggio dello scorso sabato 3 febbraio, a seguito dell’uscita sui mezzi di stampa online, l’amministrazione ha ricevuto da parte dell’Ona di Carpi gli esiti di analisi private, oltretutto inviate in forma parziale. Per quanto concerne l’edificio che si

trova nei pressi della scuola d’infanzia Bixio di via Gambisa, già nel dicembre scorso - dice la nota, ribadendo quanto affermato dall’assessore Bagni - è stata emessa un’ordinanza che ingiunge al proprietario lo smaltimento dei materiali contenenti amianto entro 60 giorni».



TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon