Quotidiani locali

Vai alla pagina su Voci dal Branco
I “compiti insieme” con chi fa più fatica

I “compiti insieme” con chi fa più fatica

L’associazione promossa dai genitori delle medie inferiori Tutor gli studenti delle superiori in alternanza scuola-lavoro

Città&Scuola è un’associazione nata a Modena nel 2007, per volontà di genitori. Ha lo scopo di combattere il disagio e la dispersione scolastica e ha scelto di occuparsi della fascia di età della scuola media, età di grandi cambiamenti sia a livello fisico sia cognitivo.

Susanna Corradi si occupa del progetto “Compiti insieme”, un’attività all'interno dell’associazione Città&Scuola, rivolta agli studenti di tutte le scuole medie di Modena in difficoltà.

Inoltre è la tutor degli studenti delle scuole superiori Tassoni, Muratori e Wiligelmo che fanno Alternanza Scuola Lavoro all’interno di esso.

A chi è rivolto il progetto?

«Compiti insieme è un progetto con grandi finalità sociali, serve per aiutare le famiglie in difficoltà e i giovani studenti che sono “abbandonati” a casa o perché nessuno è in grado di aiutarli a studiare o perché realmente soli e sono distratti dalle nuove tecnologie, Si propone inoltre di rafforzare la lingua italiana negli studenti stranieri. Ogni scuola media ha scelto in quali periodi e in quanti pomeriggi svolgere l’attività, si va da uno a cinque pomeriggi la settimana».

«Spesso nella mia esperienza mi è capitato di ricevere ragazzi che già dalle elementari erano catalogati come quelli che non avrebbero fatto nulla, e, anche grazie ad attività pomeridiane diverse dalle classiche lezioni, hanno la possibilità di capire che sono importanti e anche la scuola lo è».

«É fondamentale tenere aperte le scuole per dare un senso di continuità e presenza, la scuola non può essere solo un luogo in cui vieni interrogato e valutato, ma un luogo dell'apprendimento a tutto tondo».

Continuerà nei prossimi anni il progetto?

«Se ci sarà ancora il sostegno delle scuole superiori che ci invieranno i loro studenti in alternanza, o con altri progetti, Compiti insieme continuerà, ed è importante anche per i ragazzi più grandi perché sono convinta che si cresca quando si inizia ad occuparsi di qualcuno diverso da sé».

«Abbiamo anche una convenzione con l’università di Modena che ci invia studenti per l’anno di tirocinio».

Caterina Bigliardi del Wiligelmo è una studentessa che fa alternanza scuola lavoro all'interno di Compiti Insieme.

Aiutare i bambini a studiare può essere visto come una nuova forma di imparare?

«Certamente, infatti devi imparare ad adattare il registro linguistico e impari a far capire un concetto che hai studiato a qualcuno che non sa nulla dell'argomento e devi perciò attivare nuove forme di comunicazione».

All'interno di questa attività ti senti introdotta nel mondo del lavoro?

«Ti dà la possibilità di renderti conto di come viene vissuta la scuola, e comprendi la difficoltà di rapportarsi con tante realtà diverse».

Com’è il rapporto tra la tua scuola e l'attività di Alternanza?

«Io

faccio alternanza due volte alla settimana tutto l’anno in modo da avere un rapporto costante con gli studenti e l'ente a differenza di altri studenti che conosco che fanno alternanza per tre settimane tutti i giorni bloccando il programma scolastico».



TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik