Quotidiani locali

Castelvetro.: malore alla guida, si schianta e muore

 L’86enne Ernesto Bonucchi di Spilamberto ha perso il controllo della sua auto. I funerali già fissati per domani

CASTELVETRO. Dietro quattro teli bianchi alzati a protezione e riservatezza da automobilisti e testimoni che si erano fermati perché avevano assistito alla scena, i sanitari del 118 e dell’elisoccorso hanno provato per più di mezz’ora a rianimarlo e salvargli la vita. Ma l’urto contro il volante e il parabrezza della sua Panda, completamente distrutta dopo essersi schiantata in un fosso, non gli hanno purtroppo lasciato scampo. Se ne è andato così Ernesto Bonucchi, 86 anni, nato a Castelvetro e residente a San Vito di Spilamberto, mentre al volante della sua auto è uscito di strada ieri intorno alle 11 in via Modena, appena dopo Ca’ di Sola in direzione Castelvetro.



Naturali le cause del decesso, tant’è che il magistrato di turno non ha disposto il trasferimento della salma in Medicina legale a Modena e domani alle 10 si terranno i funerali a San Vito, dove l’uomo viveva. È stato infatti un malore improvviso a strappare all’affetto della figlia Silvana papà Ernesto, vedevo, e da solo al volante della sua Panda quando ne ha perso improvvisamente il controllo. L’86enne stava guidando quando, poco prima del passo di un’abitazione al civico 37, ha sbandato ed è finito prima in un fosso, poi si è andato a schiantare contro un grosso masso e infine contro il passo carraio dell’ingresso della vicina casa. Un urto fatale che non gli ha lasciato nessuna speranza di sopravvivenza: troppo gravi le ferite riportate nell’impatto come hanno confermato anche i primi soccorritori.


«Stavo portando la mia fidanzata al lavoro quando mi sono fermato perché ho capito subito che era un incidente grave - ha raccontato un ragazzo di Ca’ di Sola che ha assistito allo schianto - L’anziano era riverso su se stesso, con la testa sotto il volante e privo di conoscenza. Aveva anche una ferita al braccio sinistro e sanguinava. Ho chiamato subito i soccorsi».

«Ho visto l’auto fuori strada e schiantata contro il fosso, mi sono avvicinato e quel signore anziano mi è apparso subito in pessime condizioni» ha detto un altro dei testimoni.

In via Modena si sono così precipitati un’ambulanza del 118, l’elisoccorso e anche i vigili del fuoco di Vignola che hanno aiutato i sanitari ad estrarre l’86enne dall’abitacolo della sua Panda distrutta, nonché a mettere in sicurezza l’auto alimentata a metano. Il corpo dell’uomo è stato così adagiato a terra e poi sono iniziate le procedure di rianimazione nel tentativo di stabilizzarlo e salvargli la vita, ma a causa dei traumi riportati e dell’età della vittima, per lui non c’è stato nulla da fare: Bonucchi è morto poco dopo e il suo corpo è stato così coperto da un classico telo bianco.

Sul posto, per i rilievi dell’incidente, sono arrivate due pattuglie della polizia municipale dell’Unione Terre dei Castelli, che hanno anche dovuto regolare il traffico degli automobilisti in transito in via Modena che si è formato a causa dello schianto.

Valentina Corsini
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori