Quotidiani locali

Lotta alla Sla e alla distrofia, da Modena un progetto di telemedicina

Risultati confortanti grazie alla metodologia di controllo in remoto dei pazienti Attuata dall’Ausl in collaborazione con la Uildm e dedicata a Enzo e Dino Ferrari

Da Modena un progetto di telemedicina per i malati di Sla Arriva da Modena un passo in avanti a favore della telemedicina grazie ad un progetto portato avanti dal gruppo modenese dell'union e italiana per la lotta alla distrofia muscolare. Un progetto, che è stato presentato dall'Ausl, è che è stato definito un regalo ad Enzo Ferrari a 120 anni dalla nascita. Video di Luigi Esposito. La presentazione del progetto

MODENA. Più controllo remoto dei pazienti colpiti dalle patologie neuromuscolari, per ottenere “una migliore risposta e continuità della cura” ma anche “una maggiore collaborazione” tra professionisti sanitari e malati.

Arriva da Modena uno slancio a favore della Telemedicina, sulla quale l'Ausl diffonde i risultati di un progetto ad hoc definito “Un regalo ad Enzo Ferrari a 120 anni dalla nascita”, che cade il 18 febbraio. Ci ha lavorato infatti il gruppo modenese dell'unione italiana lotta alla distrofia muscolare, ribattezzato “Enzo e Dino Ferrari” e impegnato a portare a termine il disegno avviato dallo stesso Drake nel 1980: aiutare i pazienti colpiti da distrofia muscolare. Grazie al lavoro della presidente Uildm di Modena Maria Lugli e della stessa Ausl, l'iniziativa si è allargata presto ad altri pazienti colpiti da Sla grazie ai fondi raccolti dai sostenitori di Uildm Motor Team. I primi risultati sono stati presentati ieri al Mef dall'Azienda USL di Modena.

Relatori sono stati il Dott. Massimo Annichiarico, Direttore Generale Azienda USL di Modena,il Dott. Giancarlo Garuti, pneumologo Azienda Usl e la Prof.ssa Maria Lugli, presidentessa della Uildm di Modena.

«Sarà un patrimonio che passerà di mano - ha assicurato il direttore generale Ausl Massimo Annichiarico - perché queste sono le cose che realmente contano nel servizio sanitario. La tecnologia aggiunge umanità. Pensiamo solo che attraverso un semplice telefono si ha la possibilità di non lasciare soli questi pazienti e le loro famiglie».

Grazie ai fondi raccolti nel 2015-2016 da Uildm Motor Team, un gruppo di sostenitori delle iniziative dell'associazione, è stato possibile, in collaborazione con gli specialisti pneumologi dell'Aus, dare il via al monitoraggio in remoto di pazienti con patologia neuromuscolare. Ora il progetto si arricchirà di un ventilatore polmonare donato da Uildm che sarà installato all'Ospedale di Mirandola domenica 18 febbraio, nel giorno del compleanno del “Drake”. La presidente UIldm Modena, Maria Lugli, ha deciso di devolvere la somma raccolta all'Azienda USL di Modena per contribuire all'avvio del progetto. Il percorso si è allargato a pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica (Sla) grazie anche al contributo di Aisla. Fondamentale è stata la sinergia tra diversi soggetti: il sostegno degli stakeholder, la formazione ai pazienti e al nucleo familiare curata dai tecnici dell'ingegneria clinica e dai medici dell'Azienda Usl, l'integrazione interaziendale.

È infatti la Neurologia del Policlinico a segnalare i casi. Il coordinatore del progetto è il dottor Giancarlo Garuti, specialista in malattie respiratorie di Pneumologia. In Provincia vi sono 725 persone ventilate; 80 quelle affette da malattia neuromuscolare (di cui 10 minori di 18 anni). Dall'avvio del progetto di telemedicina (maggio-dicembre 2017) sono state effettuate 3600 rilevazioni sui 16 pazienti coinvolti, 100 interventi telefonici, 20 consulti, 10 visite domiciliari e 10 visite in ambulatorio. «Ora i pazienti seguiti a distanza attraverso la telemedicina sono 16, ma l'obiettivo è di integrarne altri - spiega il dottor Giancarlo Garuti - A ciascun assistito sono forniti uno spirometro e un saturimetro e un telefono cellulare per l'invio dei dati, un ulteriore monitoraggio arriva poi dall’elettrocardiogramma».


 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro