Quotidiani locali

Oggi si celebra la Festa del Gatto molte le iniziative nel modenese

La festa del gatto, istituita nel 1990, ricorre come ogni anno oggi 17 febbraio, in onore di un animale allergico alle regole per definizione e anticonformista per eccellenza. Dopo un referendum...

Giornata nazionale del gatto, ecco perchè la celebriamo il 17 febbraio In occasione della festa dei felini più amati, in Italia previsti mostre ed eventi. La data della ricorrenza in Italia fu scelta dopo un sondaggio su una rivista specializzata (a cura di Damiano Mari)

MODENA. La festa del gatto, istituita nel 1990, ricorre come ogni anno oggi 17 febbraio, in onore di un animale allergico alle regole per definizione e anticonformista per eccellenza.

Dopo un referendum proposto ai lettori della rivista “Tuttogatto” è stata scelta questa data, perché, fra le altre cose, febbraio è il mese degli spiriti liberi (quelli nati sotto il segno zodiacale dell’Acquario), e il numero 17 è quello che porta sfortuna, secondo il detto popolare, così come si è sempre detto del povero felino. Sono tante le iniziative culturali o ricreative, più o meno con la coda, organizzate su scala nazionale fra convegni, fumetti, proiezioni di film e mostre nei musei, tutte dedicate all’approfondimento del rapporto fra questi animali e le persone.

A Carpi, per esempio, per tutta la giornata, sarà allestito in Piazza Martiri un punto informativo a cura del Gattile dell’Unione delle Terre d’Argine e dalle 15.30 alle 18.30, presso la Torre dell’Uccelliera del Palazzo dei Pio, sarà possibile accedere a un laboratorio didattico su prenotazione (inviando una e-mail a eventi.gattile@gmail.com oppure un SMS o WhatsApp al 347-8600596). Così i più piccoli potranno dare vita a gatti su carta, cartoncino, in feltro o in gomma.

Al Mini Zoo Pet Shop di via Ligabue 2 a Castelfranco Emilia saranno esposte le fotografie della mostra fotografica allestita al primo piano, dove poi verranno estratti a sorte piccoli gadget per chi ha partecipato portando una fotografia del proprio gatto.

A Vignola al Sakura Inc. Studio, Tattoo & Piercing, dalle 10 alle 19 è in programma la Walk-in del gatto. Per tutta la giornata, senza appuntamento, sarà possibile scegliere fra i tanti sketch a tema a partire da 50€. Chi prima arriva, suggeriscono, può effettuare il tatuaggio per tempo.

Sui social circolano tante storie a proposito dei mici. I gatti in attesa di adozione si fanno scudo uno con l’altro nel parchi d’accoglienza pubblici, nelle colonie gestite da volontari, nelle oasi feline cittadine. Randagi, abbandonati, maltrattati, non riconoscono più la voce dell’uomo, la temono al punto da restare sempre nascosti, rendendo così sempre più difficile la loro adozione. Così, prendendo spunto da un esperimento americano, al Parco Gattile dell’Ortica di Milano giovanissimi lettori hanno cominciato a declamare le loro favole preferite ad alta voce, incoraggiando gli animali a familiarizzare con gli esseri umani. L’idea è venuta a Kristi Rodriguez, che temendo di non riuscire a risolvere le difficoltà di suo figlio lo ha spinto a leggere storie agli animali e Facebook ha fatto da cassa di risonanza. Così i felini ascoltano e socializzano e i bambini imparano a leggere meglio.

E anche se c’è chi pensa che i gatti siano spie degli alieni e che vedano i bambini come extraterrestri, in questo mondo di stelle a metà fra Antoine de Saint-Exupéry e Star Trek, c’è ancora spazio per una favola.

Da Figaro di “Pinocchio” al gatto senza nome di “Colazione da Tiffany”, da Lucifero di Cenerentola alla coppia di siamesi di “Lilli e il Vagabondo”, fino alla favola metropolitana di Bob il gatto che ha salvato la vita a James Bowen. Che poi ha scritto un libro di successo. Che è diventato un film. Che racconta una storia vera.

Cristiana Minelli
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro