Quotidiani locali

Vai alla pagina su Fuori Classe
Rubrica Fuori Classe / Zuccheri, carboidrati, carni: ecco cosa c'è da sapere

Rubrica Fuori Classe / Zuccheri, carboidrati, carni: ecco cosa c'è da sapere

Il dottor Alberto Tripodi, medico nutrizionista dell'azienda Ausl, parla di alimentazione e rischi per la salute legati alla scelta dei cibi di tutti i giorni

MODENA. Quanto sappiamo dei piatti che noi consumiamo giornalmente? Il dottor Alberto Tripodi, medico nutrizionista dell’azienda Ausl, ha tenuto un incontro riguardante la corretta alimentazione e l’esatto regime alimentare quotidiano da seguire.

Il dottor. Tripodi si occupa da anni del progetto “Buona salute” promosso dall’azienda sanitaria. Questa iniziativa è nata al fine di sensibilizzare, specialmente i giovani, a proposito dei fattori di rischio che una cattiva alimentazione può comportare, come la possibile insorgenza di patologie, anche croniche.

Rubrica Fuori Classe / Alimentazione corretta? Che cosa dice l'Ausl Quanto sappiamo dei piatti che noi consumiamo giornalmente? Il dottor Alberto Tripodi, medico nutrizionista dell’azienda Ausl, ha tenuto un incontro riguardante la corretta alimentazione e l’esatto regime alimentare quotidiano da seguire. Il dottor. Tripodi si occupa da anni del progetto “buona salute” promosso dall’azienda sanitaria. Questa iniziativa è nata al fine di sensibilizzare, specialmente i giovani, a proposito dei fattori di rischio che una cattiva alimentazione può comportare, come la possibile insorgenza di patologie, anche croniche. (video di Emma Cristoni, intervista di Caterina Pivetti, studentesse della 5G classico liceo Muratori San Carlo)

In merito agli zuccheri, per lei è meglio limitarne il consumo?

“Lo zucchero è certamente uno dei fattori che contribuiscono all’obesità, per questo il suo consumo va limitato. Infatti, a parità di concentrazione di zucchero dell’alimento, il suo assorbimento si può ridurre o mutare se esso contiene molte fibre. Ad esempio, la frutta contiene molti zuccheri semplici, ma anche molte fibre, per questo aiuta i diabetici”.

Qual è la sua opinione in merito ai dolcificanti a zero chilocalorie?

“In commercio, sono presenti moltissimi dolcificanti naturali e artificiali, come stevia e aspartame. Il fatto che non abbiano calorie spinge la gente a preferirli all’assunzione dello zucchero raffinato. In realtà, il fatto di prediligerli non ha un effetto concreto sull’equilibrio calorico, penso infatti che si tratti puramente di un alibi. Ci sono stati molti dibattiti riguardo la presunta tossicità dell’aspartame, l’EFSA (agenzia internazionale sulla sicurezza alimentare) ha smentito questa opinione largamente diffusa”.

La dieta mediterranea apporta un aumento di peso per il suo eccessivo impiego di carboidrati?

“Dal punto di vista calorico, carboidrati e proteine hanno lo stesso effetto calorico sull’organismo (4kcal per grammo). La differenza sta nel fatto che le proteine necessitano di una maggiore spesa calorica per essere metabolizzate, per questo le diete ricche di proteine, soprattutto nella fase iniziale, favoriscono il dimagrimento. Il problema sta nel fatto che queste apportano però sostanze che il nostro organismo deve necessariamente espellere, come ad esempio l’azoto. A lungo andare ciò può avere effetti tossici sull’organismo”.

E’ vero che il consumo di carni rosse va limitato?

“Le agenzie che si occupano di cancro, dicono che occorre non evitare, ma limitare l ‘assunzione di carni rosse ed insaccati. Questi ultimi infatti, sono ritenuti possibili cancerogeni, se consumati in grandi quantità. E’ legittimo, dunque, cercare di consumare il meno possibile carni insaccate e trasformate, e non più di una volta a settimana carni rosse. La dieta mediterranea si mostra coerente con questa linea di pensiero, in quanto predilige l’assunzione di carni bianche”.

Per quanto riguarda gli alimenti OGM, ne ritiene dannosa l’assunzione?

“Ci sono diverse scuole di pensiero riguardo questa tematica. L’Italia è contraria e tende a prediligere alimenti biologici al fine di valorizzare i prodotti locali. Lo stesso Veronesi, promuoveva l’assunzione degli OGM, specialmente pomodori antiossidanti coltivati per prevenire malattie croniche e cardiovascolari. Dunque, non esistono dimostrazioni di effettivi danni per l’organismo da parte degli OGM”.

studentesse 5G classico liceo Muratori San Carlo

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro