Quotidiani locali

Carabiniere picchiato: Canti resta in carcere

Resta in carcere il 22enne modenese Lorenzo Canti, il terzo arrestato per l'aggressione ai danni di un carabiniere avvenuta a Piacenza il 10 febbraio scorso. Il gip di Bologna lo ha deciso...

Resta in carcere il 22enne modenese Lorenzo

Canti, il terzo arrestato per l'aggressione ai danni di un carabiniere avvenuta a

Piacenza il 10 febbraio scorso. Il gip di Bologna lo ha deciso sciogliendo la riserva: ritiene che sia questa la misura cautelare adeguata per l’attivista autonomo vicino anche al Guernica di Modena, nonostante la richiesta di una misura più attenuata da parte del suo difensore, avvocato Marina Prosperi.

Con la decisione di ieri su Canti, residente a Bastiglia ma con un domicilio nel Bolognese, si chiude il primo round giudiziario intorno ai tre indagati per il brutale pestaggio di un carabiniere durante gli scontri a Piacenza contro l’inaugurazione di una sede del movimento neofascista Casapound.

Sono infatti rinchiusi nel carcere delle Novate, a

Piacenza, Moustafa Elshennawi, 23enne egiziano attivo nel sindacato Si Cobas, e Giorgio Battagliola, 29enne di Bussoleno attivo negli ambienti No Tav, entrambi arrestati da polizia e carabinieri per l'aggressione al carabiniere. Entrambi sono stati sentiti dal gip Adele Savastano: lo straniero si è avvalso della facoltà

di non rispondere, mentre il piemontese ha reso alcune dichiarazioni. Per entrambi è stata confermata la custodia cautelare in carcere.

Intanto continuano le indagini che, come noto, coinvolgono anche i due organizzatori della manifestazione non autorizzata.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro