Quotidiani locali

Vai alla pagina su Emotion, Il gusto

La rassegna di film “Foodamentale” su cibo e cultura

L’idea di un gruppo di specialisti carpigiani  Si indaga sul vero significato di “mangiare bene”

CARPI. Una rassegna completamente incentrata su uno degli argomenti maggiormente di moda oggi: il cibo. Alzi la mano chi non ha mai sognato di poter padroneggiare tabelle caloriche e ricette per raggiungere il peso perfetto o l’armonia tra corpo e mente. La rassegna “Foodamentale” è stata ideata a Carpi ha proprio l’obiettivo di tenere uno sguardo critico, ma anche informativo, nei confronti di questo tema vastissimo mediante un linguaggio, quello del cinema documentario, che prende per mano lo spettatore e lo conduce in un viaggio in una materia affascinante ma nella quale occorre sfatare numerosi falsi miti. Oggi il cibo è fortemente legato alla varie mode e tendenze che: i ristoranti premiati dalle guide sono divenuti luoghi di culto e gli chef molto spesso sono personaggi dal forte carisma mediatico. Cucinare e dissertare di cucina è molto “cool”.



Senza l’intenzione di dare giudizi etici o morali su questa tendenza la rassegna vuole porre l’accento su alcuni aspetti che riguardano l’impatto che il cibo ha sul nostro corpo e la società. Mangiare bene, infatti, non rappresenta soltanto una semplice questione di gusto o di estetica. Per questo la serie di proiezioni, che prenderà il via il 10 marzo, si propone di rispondere ad alcune domande come: sappiamo davvero cosa mangiamo e come? Siamo davvero al corrente di quali effetti ciò possa avere sulla nostra salute? Sappiamo se ciò che mangiamo è realmente controllato da chi lo produce? E, ultimo ma non meno importante: siamo a conoscenza dell’impatto che l’industria alimentare ha sull’ambiente? Nel dubbio, la rassegna, fortemente voluta dalla Farmacia della speranza di via Mozart a Carpi, dalla sezione carpigiana di Amici del fegato onlus e dall’Università Libera Età Natalia Ginzburg, col patrocinio del Comune di Carpi, si propone di essere un’occasione di riflessione per coniugare cinema e inchiesta, nonché approfondimenti dal vivo.



«Per questo al termine di ogni film interverranno diversi esperti - spiegano Vitor Chiessi, socio della Farmacia della speranza, e Stefano Bellentani, presidente di “Amici del fegato” - Alla fine dei film è previsto il contributo di specialisti che forniranno ragguagli sul tema affrontato. Sabato 10 marzo verrà proiettato “Super Size Me”, il 17 “Zucchero! That sugar film”, il 24 “Food Inc.”. Tutte le proiezioni saranno trasmesse all’auditorium Loria». Si tratta di una serie di tre film che indaga il rapporto tra l’essere umano e il cibo in modo diverso e farà da trampolino per il successivo approfondimento. Ognuno dei tre appuntamenti inizia alle 20.30. Al termine di ogni film sono previsti gli interventi di: Stefano Bellentani, specialista gastroenterologo; Mauro Manna, dirigente medico presso l’Ausl di Modena, specializzato in Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva; Fabio Nascimbeni, titolare di assegno di ricerca al dipartimento di Scienze Biomediche, metaboliche e Neuroscienze all’università diModena e Reggio; Cecilia Valenti, biologa nutrizionista esperta in disturbi alimentari del peso; Monica Luongo, libera professionista e biologa nutrizionista; Laura Lodi, dietista e libera professionista, le biologhe nutrizioniste Martina Toschi e Lucia Mannavola.
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro