Quotidiani locali

In montagna il gelo non ferma gli elettori

Nonostante il maltempo in tanti ai seggi. Giallo a Montefiorino per delle schede “fuori collegio”

L'emergenza neve non ha affatto procurato il temuto calo di affluenza ai seggi per la complicata situazione della viabilità in Appennino. Provvidenziale è stata la giornata sempre sopra lo zero (quasi di bonaccia, si potrebbe dire, viste le temperature siberiane dei giorni scorsi) che ha fatto sciogliere parecchia neve, a cominciare da quella caduta, un po' a sorpresa, in maniera significativa (10 centimetri e oltre) sabato sera, “regalando” belle strade bianche di prima mattina. Ma poche ore sono bastate a renderle di nuovo completamente nere e transitabili. E così è potuta essere una giornata ordinaria di voto, senza problematiche di rilievo nel raggiungimento seggi in tutti i Comuni, frazioni comprese. E che i montanari ci tenessero tanto a fare sentire la propria voce alle urne lo si è capito fin dalla mattinata: la rilevazione di mezzogiorno ha colto percentuali di affluenza (dato della Camera) perfettamente in linea con quelle della pianura. Anzi, ci sono stati Comuni che sono andati anche ben oltre la percentuale di Modena (22,89%): vedi Montese (27,52%), Zocca (27,33), Montecreto (26,80) e via dicendo. Ma anche l'arrivo della sera ha fotografato una situazione di affluenza assolutamente nella media, se non virtuosa. Se alle 19 Modena faceva segnare un 67,91%, Prignano rispondeva con un 70,99%, Zocca con un 67,62% e Montefiorino con un 66,51%. La tendenza è stata pienamente confermata anche nei due centri più grandi: Pavullo alle 12 aveva raccolto i voti del 22,67 della sua popolazione, diventati il 65,02 alle 19; Serramazzoni a mezzogiorno si attestava su un 25,53 e alle 19 su un 65,98%. Dato che fa ben sperare, in quanto a partecipazione, anche in vista della consultazione di primavera per le comunali. E così anche a Polinago (24,98% alle 12, 63,99 alle 19) e Guiglia (22,71 a mezzogiorno e 61,72% alle 19). Particolari problemi tecnici sul voto non ne sono stati segnalati. Solo una certa sorpresa per la presenza del “tagliando antifrode” strappato dal presidente del seggio al momento

dell'inserimento nell'urna.

Polemica, invece, in un seggio di Montefiorino - anche se va detto che la Prefettura non ha registrato nessuna denuncia - dove un elettore ha detto di aver ricevuto una scheda di un altro collegio. Oggi si farà chiarezza su questo piccolo giallo.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro