Quotidiani locali

Modena. Marche contraffatte, condannato a risarcire 249mila euro 

Sentenza della Corte dei Conti: un commesso del Tribunale di Modena, arrestato nel 2015, ora dovrà pagare la somma allo stesso tribunale danneggiato

La Corte dei Conti dell'Emilia Romagna ha condannato al risarcimento di un danno erariale di 249mila euro un commesso del tribunale di Modena, arrestato a settembre 2015 dalla Guardia di Finanza. L'accusa era di aver venduto marche da bollo contraffatte moltiplicandone il valore a beneficio proprio e di avvocati compiacenti.
   Nel processo penale, a ottobre 2016, l'ex dipendente pubblico aveva patteggiato due anni e mezzo. Nel giudizio contabile, in cui è  rimasto contumace, la Procura regionale gli contestava un danno di 83mila euro per l'attività illecita, vale a dire la collocazione e la rivendita di contrassegni e marche da bollo contraffatte o alterate
e il riutilizzo di contributi unici e marche da bollo già usati. A questa somma si aggiungevano 166mila euro di danno di immagine, per il rilievo che la vicenda ha avuto sui media. L'impostazione è stata accolta dai giudici, che lo hanno condannato a risarcire il tribunale modenese. 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro