Quotidiani locali

Allerta fiumi a Modena: Aperto ponte Curtatona, riaperti ponte Alto e ponte Uccellino

Il livello delle acque scende in modo lento. Dopo una notte di vigilanza sui ponti deciso di prlolungare la chiusura in via prcauzionale.

Modena, in volo sui ponti chiusi per i fiumi in piena Sta lentamente transitando il colmo Della piena che nella notte a modena superato la cosiddetta "soglia 2" di attenzione per il Secchia e per il panaro. Rimangono quindi chiusi Ponte Alto, il Ponte dell'Uccellino e il ponte di via Curtatona: Nella notte squadre del servizio di piena dei volontari della protezione civile, inoltre, sono state impegnate nel monitoraggio e nella vigilanza degli argini in tutta l'asta del Secchia, senza riscontrare problemi. Il servizio di vigilanza è ancora in corso e proseguirà finchè il livello dell'acqua non si abbasserà fino al di sotto della soglia di guardia degli 8 metri, conferma il comune. Video di Gino Esposito La cronaca

AGGIORNAMENTO DELLE 11  RIAPERTI I PONTI MODENESI

La piena a Modena è transitata alle 11 il Comune ha disposto la riapertura dei ponti chiusi in città. Via libera quindi in via Curtatona, riaperto il transito alle auto anche a Ponte Alto e a ponte dell'Uccellino. La situazione viabilità dovrebbe normalizzarsi a breve.

CAVEZZO. AL MOMENTO PONTE MOTTA E' TRANSITABILE

La piena dei fiumi avanza lentamente verso la Bassa. Ponte Alto e Ponte dell'Uccellino restano ancora chiusi per precauzione. Nella Bassa Ponte Motta, informa la Provincia, per il momento resta transitabile

PROLUNGATA ALLA MATTINA DEL 13 MARZO LA CHIUSURA DEI PONTI  

Prosegue lo stato di allerta per i fiumi sul territorio modenese. Ponte Alto e ponte dell'Uccellino sul Secchia sono ancora chiusi per prudenza, così come via Curtatona. Nella notte  si è iniziato ad avere un calo significativo dei livelli, ma serviranno ancora diverse ore prima di scendere sotto al cosiddetto livello 2 (corrispondente agli 8 metri a ponte Alto) che consente di riaprire i ponti. 

Il livello delle acque a Ponte Alto è a quota 8 metri e 55.

Anche per questa mattina quindi sono previste difficoltà nella circolazione in direzione Modena sia da Campogalliano sia da Soliera-Carpi sulla Nazionale.

Il Panaro è già sceso ieri sotto il livello 2 consentendo la riapertura del ponte di navicello vecchio. I tecnici e i volontari della protezione civile, che anche durante la notte hanno effettuato il monitoraggio degli argini, continuano l'attività nelle prossime ore.

AGGIORNAMENTO DELLE 18 PROLUNGATA LA CHIUSURA DEI PONTI.Ponte Alto, ponte dell’Uccellino e il ponte di via Curtatona rimarranno chiusi in via precauzionale almeno fino alla mezzanotte di oggi, lunedì 12 marzo. E continuerà anche nelle prossime ore l’impegno delle squadre del servizio di piena dei volontari di Protezione civile per il monitoraggio e la vigilanza argini su tutta l’asta del Secchia

Prosegue molto lentamente, infatti, il transito del colmo della piena che nella notte ha superato la cosiddetta soglia 2 di attenzione sia per il Secchia che per il Panaro: il livello delle acque non è ancora sceso al punto da poter consentire la riapertura dei ponti già nel pomeriggio come inizialmente previsto. Solo il ponte vecchio di Navicello, a sua volta chiuso nella serata di ieri, è stato riaperto intorno all’ora di pranzo.

Al ponte di via Curtatona, chiuso alle 6 di questa mattina, l’abbassamento del livello dell’acqua al di sotto del piano stradale ha permesso comunque ai tecnici di Hera di effettuare la pulizia del manto stradale. È rimasta sempre aperta infine la rotatoria di San Pancrazio che immette sulla Nazionale per Carpi e sulla Provinciale di Campogalliano, dove non si sono verificati problemi.

PULIZIA DELLE STRADE PROVINCIALI.  Gli operatori del servizio Viabilità della Provincia stanno intervenendo in diverse situazioni, lungo la rete viaria provinciale dell'Appennino, per tenere pulita la sede stradale a causa della caduta di fango e detriti dai versanti, resi instabili dal maltempo; effettuati anche lavori di regimazione delle acque per ridurre al minino l'entità degli smottamenti.

A partire dalla notte tra domenica 11 e lunedì 12 marzo e per tutta la giornata di lunedì sono stati effettuati interventi lungo la strada provinciale 3 Giardini, all'altezza della località la Fontanina di Serramazzoni, e lungo la provinciale 33 a Pavullo, dove tuttora si circola a senso unico alternato, in un tratto vicino al polo scolastico per il crollo causa neve di un tetto di un'abitazione abbandonata ai lati della strada; eseguiti interventi anche sulla provinciale 623 a Roccamalatina per tenere pulita dal fango la sede stradale nel centro della frazione, sulla provinciale 30 per Renno di Pavullo, nei pressi dell'incrocio con la statale 12, a causa della caduta di detriti, sulla provinciale 21 nella zona di Rodiano di Marano, sulla provinciale 18 a Riccò di Serramazzoni e in diversi punbti della strada provinciale 4 Fondovalle Panaro. Le situazioni più critiche sono costantemente tenute controllo anche nelle ore notturne. Tutte le strade provinciali di montagna sono regolarmente percorribili.

 

AGGIORNAMENTO DELLE 15. Sta lentamente transitando il colmo della piena che nella notte ha superato la cosiddetta soglia 2 di attenzione sia per il Secchia che per il Panaro. Rimangono quindi chiusi Ponte Alto, il ponte dell’Uccellino e il ponte di via Curtatona che si prevede potranno essere riaperti nel tardo pomeriggio di oggi, lunedì 12 marzo. Ha riaperto invece il ponte vecchio di Navicello che era stato chiuso, come gli altri, nella serata di ieri.

Al ponte di via Curtatona, chiuso alle 6 di questa mattina, l’abbassamento del livello dell’acqua al di sotto del piano stradale ha permesso comunque ai tecnici di Hera di effettuare la pulizia del manto stradale. Nella notte squadre del servizio di piena dei volontari di Protezione civile hanno proseguito il monitoraggio e la vigilanza argini su tutta l’asta del Secchia senza riscontrare problemi. Il servizio di vigilanza è ancora in corso e proseguirà finché il livello dell’acqua non si abbasserà fino al di sotto della soglia di guardia degli 8 metri. Nella giornata di ieri, come precauzione, i volontari avevano inoltre provveduto a posizionare un centinaio di sacchi di sabbia in un tratto dell’argine del fiume Secchia più basso per portarlo a livello, mentre Aipo aveva predisposto la telonatura di una sezione dell’argine opposto maggiormente soggetto a erosione. In località San Pancrazio infine l’Agenzia per il Po ha effettuato la riparazione di un muretto in cemento. È rimasta sempre aperta infine la rotatoria di

AGGIORNAMENTO ORE 12.30 Riaperto ponte Navicello. Miglioral a situazione viabilità tra Carpi, Campogalliano e Modena. Code lungo la Nuova Estense per sistemazione delle buche da parte di Anas

AGGIORNAMENTO ORE 11 Prosegue la chiusura dei ponti, ma il problema maggiore è la viabilità. Si segnalano lunghe code in autostrada, 8 chilometri da Carpi all'innesto con l'Autosole. Code anche tra Campogalliano e Modena sulla strada normale.

AGGIORNAMENTO ORE 7  Dalle 22 di ieri sera sono chiusi per precauzione Ponte Alto e ponte dell'Uccellino sul Secchia; chiuso nella notte anche Navicello vecchio sul Panaro.

Dalle 6 è chiuso anche il ponte di via Curtatona (la strada da via Emilia est al civico 52). I

ponti rimarranno chiusi almeno per buona parte della mattinata in attesa di verificare l'evoluzione del fenomeno: la piena, pur non essendo sui livelli di quella di dicembre, nella notte ha superato la cosiddetta soglia 2.

Rimane aperta per ora, e non si segnalano problemi, la rotatoria di San Pancrazio, snodo importante per il traffico dalla Nazionale per Carpi e dalla Provinciale di Campogalliano verso Modena.

L'infrastruttura, dove a volte si sono verificate fuoriuscite rendendo necessario l'utilizzo delle pompe, è controllata dai tecnici e dai volontari della protezione civile che, dalle 21 di ieri sera e per tutta la notte, hanno monitorato gli argini dei fiumi Secchia e panaro, oltre ai canali del nodo idraulico modenese.

leggi anche:

12

Meteo, allerta arancione per temporali in Emilia Romagna

"Nella giornata di domenica - si legge in una nota - sono previste precipitazioni diffuse su tutto il territorio regionale, anche a carattere temporalesco sulle aree appenniniche. Si alzano le temperature: "Accelerazione dei processi di fusione del manto nevoso al suolo".

Inevitabili le ripercussioni sul traffico soprattutto nella zona tra la Nazionale per Carpi e Campogallino.

CODE IN AUTOSTRADA. Si segnalano code tra Campogaliano e Modena, 4 chilometri in direzione Reggio Emilia. I campi che costeggiano l'a22 n zona Campogalliano sono sommersi di acqua.

AGGIORNAMENTO DOMENICA ORE 22 Prosegue il monitoraggio dei fiumi sul territorio del Comune di Modena e, nella serata di domenica 11 marzo, in orario che sarà definito nelle ore successive, è prevista la chiusura in via precauzionale del transito sui ponti: Ponte Alto e ponte dell’Uccellino sul fiume Secchia e ponte vecchio di Navicello sul fiume Panaro.

Se le condizioni lo richiederanno potrà essere chiusa anche strada Curtatona. Sono infatti confermate le previsioni metereologiche che hanno portato la Regione ad attivare la fase di allerta arancione anche nel territorio modenese per criticità idraulica e che vedranno nella notte il passaggio della piena nei fiumi in area comunale, in particolare il fiume Secchia, con raggiungimento del livello di soglia 2, comunque al di sotto dei livelli raggiunti lo scorso dicembre. La Protezione Civile è pronta.

A Soliera chiusa via Canale per motivi precauzionali.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro