Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’orchestra vegetale

C’è un orchestra molto speciale che gira il mondo senza strumenti. Funziona così. I musicisti arrivano nella città in cui è previsto il concerto e per prima cosa vanno al mercato. Comprano svariati...

C’è un orchestra molto speciale che gira il mondo senza strumenti. Funziona così.

I musicisti arrivano nella città in cui è previsto il concerto e per prima cosa vanno al mercato. Comprano svariati kg di frutta e verdura, badando alle dimensioni, alla freschezza e alle sonorità. Poi si chiudono in teatro e tirano fuori coltelli, taglierini, pelapatate. E con grande pazienza costruiscono i loro strumenti. Li ascoltano, li accordano, li amplificano.

Intanto il grande teatro apre le porte e all’ ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

C’è un orchestra molto speciale che gira il mondo senza strumenti. Funziona così.

I musicisti arrivano nella città in cui è previsto il concerto e per prima cosa vanno al mercato. Comprano svariati kg di frutta e verdura, badando alle dimensioni, alla freschezza e alle sonorità. Poi si chiudono in teatro e tirano fuori coltelli, taglierini, pelapatate. E con grande pazienza costruiscono i loro strumenti. Li ascoltano, li accordano, li amplificano.

Intanto il grande teatro apre le porte e all’ora prevista per il concerto, davanti a centinaia di persone incuriosite, i musicisti suonano… le verdure. Suonano esclusivamente strumenti costruiti in giornata con la verdura a km zero. Carote che diventano flauti, zucche che diventano percussioni, porri che diventano violini. Al termine del concerto, gli strumenti - ovviamente biodegradabili - vengono donati a chi ne fa richiesta che potrà scegliere di provare a suonarli o portarli a casa per farsi un minestrone.

Questa storia, che pare uscita dalla penna di un fantasioso autore per ragazzi o - se preferite - di un profeta del riciclo creativo, è invece assolutamente vera.

Aprite YouTube e cercate Vegetable Orchestra. L’ensemble esiste a Vienna da oltre 20 anni e si esibisce regolarmente in tutto il mondo. Ne fanno parte da artisti di diversa estrazione: musicisti ma anche scrittori, artisti visivi, designer. I generi musicali sono vari: jazz, dub, elettronica. Certo, intendiamoci, stiamo parlando di musica sperimentale. Nessun loro brano scalerà mai le classifiche (se non quelle dell’ortomercato, forse). Tuttavia potreste sorprendervi a ballare al ritmo di una tekno, scandita da zucche e zucchine.

Perché qui è il messaggio che conta. La musica è intorno a noi, costantemente, anche negli oggetti e nei rumori quotidiani. Basta tenere occhi e orecchie ben aperti e non dimenticarsi di essere creativi.

In fondo il concetto della Vegetable Orchestra, si può applicare anche a una scolaresca, ben guidata e ispirata, che può decidere di fare musica con banchi, fogli, gomme, matite e zaini. Basta scegliere dei suoni, ascoltarli, disciplinarli in una sequenza. Anche questa è musica, anche questa in fondo, può diventare arte.

Se vi capita, quindi non perdetevi un loro concerto. Iniziate guardando i loro video in rete. Provate magari a fabbricarvi anche voi un cucumberphone, un melanzofono. O trasformate una semplice carota in un flauto. Se fallite, nessun problema. Potete sempre consolarvi con un fresco pinzimonio.

Cristiano “ZioBurp” Callegari