Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Nuove case a Modena Est, stop del Pd

Lettera del circolo, e contestuale raccolta di firme, per fermare la possibile edificazione di alloggi nell’ex campo da rugby

Rugby (e calcio) uno, nuove case zero. Perché al netto della risposta del sindaco, che ha ricevuto la comunicazione ieri, da Modena Est arriva un segnale che va in direzione opposta rispetto a quelli arrivati da Vaciglio e al pressing dei costruttori per i progetti urbanistici “congelati” dalla giunta.

La novità è arrivata ieri, sotto forma di lettera consegnata al primo cittadino Gian Carlo Muzzarelli da Antonio Carpentieri, vicecapogruppo del Pd in Consiglio comunale e segretario del circo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Rugby (e calcio) uno, nuove case zero. Perché al netto della risposta del sindaco, che ha ricevuto la comunicazione ieri, da Modena Est arriva un segnale che va in direzione opposta rispetto a quelli arrivati da Vaciglio e al pressing dei costruttori per i progetti urbanistici “congelati” dalla giunta.

La novità è arrivata ieri, sotto forma di lettera consegnata al primo cittadino Gian Carlo Muzzarelli da Antonio Carpentieri, vicecapogruppo del Pd in Consiglio comunale e segretario del circolo dem di Modena est. E la richiesta dunque è quella di stralciare i progetti edificatori previsti nell’area compresa tra il campo da calcio Morselli di via Pederzoli e l’ex campo da rugby di via Gasparini: ex aree “G” rese edificabili, che sette anni fa, nel pieno delle polemiche urbanistiche sulla piscina prevista al parco Ferrari, furono al centro di un “match” tra l’assessore all’Urbanistica Daniele Sitta e l’allora presidente di circoscrizione, ovvero lo stesso Antonio Carpentieri che oggi guida il circolo locale del Pd. E se allora si raggiunse una mediazione su una previsione edificatoria di 70 alloggi - per l’assessore avrebbero dovuto essere 110, ma la circoscrizione ottenne il taglio di 40 case - mentre nel frattempo la crisi ha congelato la situazione (ma il terreno oggi è edificabile) ora il Pd chiede al sindaco di non costruire a Modena est, lanciando una raccolta firme a sostegno della richiesta di far tornare la zona in questione alla vecchia destinazione d’uso. «Il direttivo del Pd del circolo - si legge nel documento consegnato ieri a Muzzarelli - sollecitato da diversi cittadini del quartiere Modena est, ha preso in esame la situazione urbanistica della zona e in particolare del campo da calcio “Morselli” (via Pederzoli) e dell’ex campo da rugby (via Gasparini), aprendo in merito una seria discussione. Queste aree sportive sono state oggetto, nel passato, di scelte urbanistiche che le hanno rese edificabili con alloggi residenziali: questa nuova destinazione prevede una capacità edificatoria dei terreni pari a 70 alloggi, la realizzazione di nuove strade e parcheggi. La previsione urbanistica comporta per l’area interessata, altresì, la perdita, quasi totale, di spazi in cui sarebbe ancora possibile praticare un’attività sportiva». La lettera fa quindi notare che «i risultati ottenuti dalla Circoscrizione 2 nel 2011, che avevano impedito l’aumento della capacità edificatoria di ulteriori 40 alloggi e ottenuto migliorie apprezzabili al progetti, non appaiono più corrispondenti ai bisogni abitativi attuali del territorio, tenuto conto anche delle costruzioni residenziali nel frattempo realizzate, di altre aree edificabili disponibili in zona e della riflessione aperta sulla possibile riqualificazione del villaggio artigianale di Modena est. Conseguentemente - si legge ancora - il circolo ritiene necessario ripensare alla destinazione di questi campi sportivi e chiede all’amministrazione, anche in considerazione del fatto che non sono stati formalizzati atti amministrativi impegnativi verso soggetti terzi, di valutare l’opportunità di approntare gli atti necessari alla modifica della destinazione d’uso dei due campi sportivi, riportandola alla originaria destinazione».

©RIPRODUZIONE RISERVATA