Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Modena: ex Stanguellini in restauro E sul retro alloggi di lusso

Tornerà a splendere la scritta rossa Fiat di Mario Molinari sulla facciata del 1912 Le antiche officine saranno trasformate in numerosi appartamenti di pregio

MODENA. Ecco come verrà trasformato l’edificio dove nacquero più di un secolo fa le “Officine Stanguellini”. Attraverso un progetto affidato all’architetto modenese Carla Ferrari, saranno salvaguardate le parti storiche vincolate come ad esempio come la bella scritta “Fiat” realizzata dal grande disegnatore Mario Molinari.

Siamo in via Bartolomeo Schedoni, a due passi da viale Trento Trieste dove nacque anche la Ferrari prima di trasferirsi a Maranello. Questo edificio - chiuso da tempo - è i ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA. Ecco come verrà trasformato l’edificio dove nacquero più di un secolo fa le “Officine Stanguellini”. Attraverso un progetto affidato all’architetto modenese Carla Ferrari, saranno salvaguardate le parti storiche vincolate come ad esempio come la bella scritta “Fiat” realizzata dal grande disegnatore Mario Molinari.

Siamo in via Bartolomeo Schedoni, a due passi da viale Trento Trieste dove nacque anche la Ferrari prima di trasferirsi a Maranello. Questo edificio - chiuso da tempo - è il fronte di una serie di strutture poste all’interno, in una zona appunto dove prese il via la storia del primo costruttore modenese di automobili. Un luogo da valorizzare quindi.

Modena, ecco come si trasformerà l'ex-Stanguellini di via Schedoni


Qualcosa di simile si sta tentando - dopo anni di polemiche forse destinate a riaprirsi - attraverso un cantiere di cui si occupa la società “Impresa Bacchelli” di Modena. L’idea del progettista e degli edili è appunto quello di ripristinare i caratteri originari dell’edificio risalente al 1912 realizzando all’interno della struttura alcune residenze di pregio. Come sarà l’edificio Fiat - la cui vendita degli alloggi è affidata a una nota agenzia immobiliare di Modena - lo illustrano i render posti sul sito internet della stessa Bacchelli. «Rigeneriamo il cuore di Modena - si legge sul sito www.impresabacchelli.it - in una parte di città di cui non dimentichiamo la storia, ma ne siamo parte. Realizziamo un edificio con finiture di alto pregio e design all’avanguardia in classe energetica A e struttura antisismica».

Modena, ex-Stanguellini oggi: l'edificio pronto al recupero


La facciata su via Schedoni, appunto, resterà così com’è, mentre verso l’interno dove insistono ancora altri vecchi edifici riferibili alla storia Stanguellini, ci saranno modifiche. Lo dimostrano le immagini, ma forse quel che importerà i puristi è il fatto che i vecchi capannoni saranno adattati, ma non si vedrà nulla dall’esterno. All’interno, poi, gli appartamenti paiono bellissimi, con ampi saloni dotati di un mobilio di alta classe. Che si sia davanti a un sito importantissimo per la storia della capitale Motor Valley - come i politici si affrettano sempre a dire - è un dato di fatto. L’insediamento dell’Officina Meccanica Stanguellini, nei pressi di largo Garibaldi, venne concepito da una singolare figura di imprenditore, Francesco Stanguellini, primo concessionario modenese delle vetture Fiat. Nel 1929 al capostipite subentrò il figlio Vittorio che ampliò l’officina prima con la produzione di attrezzature meccaniche, poi con la costruzione di modelli ricavati dalle Fiat, attraverso la trasformazione dei motori modificati con tecniche innovative.

Gli Stanguellini alimentarono inoltre la passione per le competizioni, cui partecipavano pilotando le vetture della fabbrica torinese e anche in questo modo nei tre decenni successivi le Scuderie Stanguellini divennero protagoniste del panorama automobilistico nazionale. Il complesso dell’Officina fu realizzato, unitamente alla casa padronale ancora esistente, secondo un progetto unitario del 1912, cui seguirono altri ampliamenti del 1926 e del 1949. Nel 1912 la “commissione comunale di ornato” esaminò il progetto del nuovo insediamento produttivo caratterizzato da una palazzina a uso magazzini, uffici e abitazioni del personale. Anche il prospetto dell’officina, che reca l’insegna ancora leggibilissima, si atteneva ai modelli formali, mentre l’ampliamento del 1926, disegnato da Cesare Manicardi, rispettava l’assetto modulare dei capannoni, aggiungendone altri in sequenza. Infine, nel 1949, il complesso venne completato dalla costruzione della concessionaria Fiat - progettata dal geometra Alessandro Mundici - con megainsegna appunto dell’artista modenese Mario Molinari, autore anche del marchio Stanguellini. Il complesso produttivo, ancora integro nella struttura originaria, deve essere considerato un’importante testimonianza degli esordi della meccanica automobilistica modenese e dello sviluppo avvenuto nei decenni successivi, fino ai primi anni Settanta. Conclusa l’attività produttiva, il fabbricato è anche stato sede di diverse associazioni. E si arriva all’epoca dell’ex assessore Daniele Sitta. Nel 2010, con lui in Comune, venne approvata una variante allo strumento urbanistico comunale che prevedeva la demolizione di parte del complesso in funzione della costruzione di un edificio residenziale. Nel 2011 il villino e l’edificio della concessionaria sono stati dichiarati di interesse culturale, con intervento sollecitato da Italia nostra.