Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Israele e Palestina nel libro di Salvarani

“Israele e Palestina: una pace impossibile? Il folle sogno di Neve Shalom Wohad al Salam” è stato il tema della conferenza tenuta l’altra sera, organizzata dall’istituto comprensivo Sassuolo 2 nord...

“Israele e Palestina: una pace impossibile? Il folle sogno di Neve Shalom Wohad al Salam” è stato il tema della conferenza tenuta l’altra sera, organizzata dall’istituto comprensivo Sassuolo 2 nord (diretto da Sabrina Paganelli) e il Comune in occasione dell’anno europeo del patrimonio culturale.

Tra gli insegnanti referenti del progetto intercultura vi sono Benedetto Daffronto, docente di religione, Simonetta Mariani e Anna Maria Manzini, docenti d’italiano, e Silvia Mussini, insegnante di ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

“Israele e Palestina: una pace impossibile? Il folle sogno di Neve Shalom Wohad al Salam” è stato il tema della conferenza tenuta l’altra sera, organizzata dall’istituto comprensivo Sassuolo 2 nord (diretto da Sabrina Paganelli) e il Comune in occasione dell’anno europeo del patrimonio culturale.

Tra gli insegnanti referenti del progetto intercultura vi sono Benedetto Daffronto, docente di religione, Simonetta Mariani e Anna Maria Manzini, docenti d’italiano, e Silvia Mussini, insegnante di matematica.

Presente anche la vice preside Milly Fiandri, Khawla Qasim, insegnante di corano della comunità islamica di Sassuolo. La conferenza è stata tenuta da Brunetto Salvarani che ha curato il libro “Il folle sogno di Neve. Israeliani e palestinesi insieme sulla stessa terra”.

Alla conferenza era presente la vicesindaco Mimma Savigni.

«Il libro - ha detto Brunetto Salvarani - racconta di Neve Shalon un paese dove gli Israeliani e Palestinesi vivono in pace. Il villaggio si trova a metà strada tra Tel Aviv e Gerusalemme e vi abitano 150 persone. Anche se questa oasi non è ancora riuscita a trasmettere agli altri paesi di Israele la pace, può essere, invece, un elemento di stimolo».

Il libro di Salvarani, inoltre, ha l’ambizione di colmare un duplice vuoto nell’editoria italiana: da una parte in relazione alla vicenda straordinaria di Hussar, davvero un “signore dei sogni”, dall’altra riguardo al Villaggio della Pace.

Giovanna Frigieri