Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Scuole Collodi di Modena. Un libro a me e uno a te Così la lettura è libertà

Alle scuole Collodi inaugurata la “Little Free Library” per favorire lo scambio di testi, sogni di carta dalla materna alle elementari

MODENA. Gli alunni della primaria Collodi e dell’omonima materna di Modena sono partiti da casa “leggeri”: uno zainetto con pranzo al sacco ed un libro, uno qualsiasi, un romanzo, un fumetto, un libro illustrato…

La giornata era di quelle speciali, da iniziare con una simpatica canzoncina dedicata ad un topolino speciale, un topo appassionato di lettura. Un “topo da biblioteca”.

L’occasione era per inaugurare la nuovissima “Little Free Library”, un box collocato appena fuori dall’ingresso dell ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA. Gli alunni della primaria Collodi e dell’omonima materna di Modena sono partiti da casa “leggeri”: uno zainetto con pranzo al sacco ed un libro, uno qualsiasi, un romanzo, un fumetto, un libro illustrato…

La giornata era di quelle speciali, da iniziare con una simpatica canzoncina dedicata ad un topolino speciale, un topo appassionato di lettura. Un “topo da biblioteca”.

L’occasione era per inaugurare la nuovissima “Little Free Library”, un box collocato appena fuori dall’ingresso dell’edificio che conterrà tanti libri a disposizione dei giovani lettori che vorranno leggerli prendendoli a prestito con la sola regola di prendere un libro per lasciarne un altro, in modo che non manchino mai. La realizzazione di questo scrigno pieno di storie è stata possibile, oltre che grazie all’impegno dell’attivo Comitato Genitori sempre in collaborazione con il gruppo dei docenti, anche all’aiuto della Banca Popolare San Felice.

I libri da collocare nella “Little free library” sono in parte offerti come fruizione libera da parte di alcune biblioteche della città, in parte acquistati grazie all’iniziativa “Io leggo perchè” dello scorso ottobre, in parte donati dalle famiglie.