Quotidiani locali

Modena. Si ammaina Fini, nasce l’Hotel Rua Frati 48

Il 3 settembre in San Francesco aprirà il cinque stelle di Samorì: 30 camere di charme e il bar nel foyer

MODENA. «Apriremo il 3 settembre e il nuovo albergo 5 stelle di Modena si chiamerà Hotel Rua Frati 48 in San Francesco. Grazie ai servizi e alle sue 30 camere sarà molto lussuoso e contribuirà a migliorare questa parte di centro storico».

L’annuncio è dell’avvocato e finanziere Gianpiero Samorì che agli inizi di marzo ha rilevato larga parte dello storico edificio che ospitava il celebre ristorante e l’hotel Fini San Francesco 5 stelle, collocati in Rua Frati Minori, vicino a Corso Canalchiaro. Il cantiere per il più lussuoso albergo cittadino è partito da pochi giorni e permetterà di avere una struttura alberghiera - dove in passato hanno alloggiato ad esempio Bono Vox degli U2 e Silvio Berlusconi - all’avanguardia per quanto riguarda la domotica, la ricercatezza delle 30 suites previste e soprattutto i servizi per i danarosi clienti. Ci sarà, infatti, una vasca idromassaggio doppia per ogni stanza e soprattutto, al quarto piano della struttura ampia oltre 5mila metri quadrati un vero e proprio centro benessere a uso interno.

L’hotel Rua Frati sarà inoltre dotato di un ristorante a uso interno e un bar, da cui si accederà in via San Paolo. Il locale sarà accessibile anche alla clientela esterna. Al piano terra, con accesso da Rua Frati 48, ci sarà l’ampia hall del foyer, alcune salette, ristorante, bar mentre al primo piano saranno a disposizione due sale convegni. Al quarto piano della struttura ex Fini troverà posto una palestra con zona benessere a servizio dei clienti mentre le 30 camere saranno al primo, secondo, terzo e quarto piano.

«I lavori sono appena partiti - spiega Marco Prandini di Elettrotermoidraulica Prandini Srl - e seguono un grosso lavoro che, agli inizi del Duemila, realizzammo per la proprietà di Vittorio e Annamaria Fini. In quel caso l’intervento servì per convertire tre stabili che compongono la proprietà ed erano su piani diversi. In questo caso, non occupandoci dell’ex salumeria in corso Canalchiaro, abbiamo dovuto fare lavori non così approfonditi come nel 2003. Alla fine dei lavori, a tarda estate, avremo in ogni suite la domotica, la filodiffusione e un computer a disposizione in ogni camere. Alcune di queste sono affrescate visto che l’edificio è storico, ma forse quel che conta di più saranno i servizi a disposizione degli ospiti».

Ci sarà quasi in ogni bagno la cromoterapia e tutti gli spazi saranno in marmo con l’idromassaggio. Inoltre il nuovo hotel avrà a disposizione - in convenzione con la vicina chiesa di San Francesco - il piazzale per auto posto di fronte all’ingresso, mentre ci sarà anche una autorimessa con navetta privata, il portierato h24 e servizio in camera.

I prezzi? Ancora non è dato saperli, ma saranno in linea con l’offerta anche perché i proprietari stanno cercando di avere la denominazione “L” (lusso) nel loro 5 stelle. Al cantiere appena aperto, per quanto riguarda la parte impiantistica e di sicurezza, opera in via Rua Frati l’ingegner Michele Barberi: «Stiamo lavorando tutti per arrivare pronti con l’apertura prevista i primi di settembre. Abbiamo in corso i lavori di ripristino diretti degli architetti Claudio De Gennaro e Tiziana Quartieri per la parte di arredo e dal sottoscritto per impiantistica

e sicurezza. Nell’edificio sono presenti pavimentazioni in seminato alla veneziana, in legno, soffitti affrescati e una particolare cura viene data all’impiantistica che assicurerà un comfort adeguato al livello della struttura».

Stefano Luppi
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori