Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Tra mente e corpo: si chiama Garuda si legge stare bene

Una “nuova” disciplina olistica arrivata a Modena grazie a una palermitana trapiantata in città

MODENA. La parola “olismo” deriva dal greco (hòlos), ossia “totalità”: l'individuo viene considerato nella sua interezza, come prodotto/risultato dell'interazione tra mente, corpo e ambiente. Le discipline olistiche si propongono di aiutare a ripristinare l'equilibrio psico-fisico della persona attraverso un percorso di salute globale che passa anche per la gestione del rapporto con gli altri. L'approccio naturale proposto da queste metodologie è alla base della medicina orientale (come quel ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA. La parola “olismo” deriva dal greco (hòlos), ossia “totalità”: l'individuo viene considerato nella sua interezza, come prodotto/risultato dell'interazione tra mente, corpo e ambiente. Le discipline olistiche si propongono di aiutare a ripristinare l'equilibrio psico-fisico della persona attraverso un percorso di salute globale che passa anche per la gestione del rapporto con gli altri. L'approccio naturale proposto da queste metodologie è alla base della medicina orientale (come quella tradizionale cinese o a quella ayurvedica indiana) e in questi anni si sta rapidamente diffondendo anche in Occidente.

Agopuntura, shiatsu e yoga sono tra le discipline olistiche più diffuse in Italia. Tra quelle meno note c'è il Garuda, metodo che fonde Pilates, danza, yoga e tai chi. Ideato e messo a punto dal ballerino anglo-indiano James D'Silva, deve il suo nome all'uccello sacro della mitologia indiana capace di cambiare le sue forme a seconda delle necessità. Se la prima italiana a diventare istruttrice Garuda è la ferrarese Laura Trevisani, ad averlo introdotto a Modena è Cetty Corrao. Palermitana di nascita, Corrao si forma nella danza e nel fitness. Dopo aver operato per anni come istruttrice di aquagym e assistente ai bagnanti in una nota piscina di Modena, negli anni si è avvicinata alla ginnastica posturale, approfondendo lo studio delle patologie della colonna.

Le discipline olistiche si fondano su basi scientifiche o su credenze individuali?

«Assolutamente su basi scientifiche!» conferma la Corrao. «Come insegna lo stesso Myers (ideatore dello studio delle tensioni fasciali e degli squilibri posturali all'interno di meridiani fasciali, nda) i muscoli sono uniti come la trama di una tela e operano insieme, definendo postura e movimenti. Il nostro corpo è un tutt'uno e i movimenti devono essere armonici per garantirne il benessere».

Come nasce il suo interesse verso questi studi e verso il Garuda in particolare?

«La passione per questo mondo nasce dal bisogno di curare me stessa. Dovevo risolvere alcune problematiche alla schiena legate al mio passato nella danza. Dapprima mi sono avvicinata al Pilates; poi, quattro anni fa, ho scoperto il Garuda e sono partita per Londra per partecipare ai corsi di D'Silva. I frequenti viaggi in Asia e la meditazione hanno fatto il resto».

Su cosa si basa il metodo Garuda?

«Partendo da linee energetiche e fasciali e dalla respirazione, il Garuda si concentra sulla mobilità della gabbia toracica e sulla concentricità ed eccentricità dei movimenti, oltre che sui movimenti a spirale. Tutto il corpo si muove in maniera funzionale, dai metatarsi alla sommità del capo».

Come nasce il suo studio “Holistic Fusion”?

«Il benessere riguarda l'individuo a 360 gradi. Perciò in questa struttura cerchiamo di accompagnare le persone a migliorare la propria qualità di vita, sia attraverso i nostri metodi che avvalendoci del supporto di altri professionisti (osteopati, fisioterapisti, nutrizionisti). Io e le mie collaboratrici - Sara Venturelli e Miriam Galli - crediamo che per raggiungere questo obiettivo sia altresì importante lavorare con piccoli gruppi. Partendo da un'anamnesi posturale e da lezioni individuali, inseriamo ogni cliente nel corso più idoneo, con l'obiettivo di agire sulle problematiche specifiche di ognuno».

Quali altri corsi sono attivi presso il suo studio?

«Oltre al Pilates, teniamo corsi di Back School, disciplina consigliata a chi si approccia per la prima volta al mondo delle tecniche posturali perché propone movimenti un po' più semplici rispetto al Pilates e al Garuda. Quest'anno proponiamo un corso di Hatha yoga (“yoga della forza”) - la corrente che meglio si adatta alla struttura e alle necessità psico-fisiche di noi occidentali - e un corso di yoga bimbi, tenuto da Miriam Galli. Altre novità sono il Pilates passeggino per le neo-mamme che vogliano rimettersi in forma dopo la gravidanza e Pilates e Garuda alla sbarra. Inoltre offriamo lezioni individuali come personal trainer».

Qual è il marchio distintivo di Holistic Fusion?

«Sicuramente l'umanità. Chi viene da noi non lo fa solo per allenarsi, ma si sente a casa. Crediamo nella forza del gruppo e nell'importanza di offrire un momento di relax e di benessere». Oltre alla pagina Facebook, per info https://www.holisticfusion.it/