Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Un boom di iscrizioni a Modena, le scuole non bastano più

In dieci anni cinquemila studenti in più negli istituti superiori della provincia. La Provincia costretta ad interventi straordinari sul fronte dell’edilizia

MODENA.  Per avere un’idea del trend basta guardare agli ultimi dieci anni: cinquemila studenti in più, che in pratica vogliono dire 200 classi. E le cose, secondo le previsioni, non cambieranno almeno per i prossimi sette anni, con la conseguenza che già a settembre prossimo gli studenti in più saranno 710, che tradotto in classi sono 27: se frequentassero tutti lo stesso istituto, servirebbe una nuova scuola.

Sono i numeri degli studenti degli istituti superiori modenesi registrati dall’Oss ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA.  Per avere un’idea del trend basta guardare agli ultimi dieci anni: cinquemila studenti in più, che in pratica vogliono dire 200 classi. E le cose, secondo le previsioni, non cambieranno almeno per i prossimi sette anni, con la conseguenza che già a settembre prossimo gli studenti in più saranno 710, che tradotto in classi sono 27: se frequentassero tutti lo stesso istituto, servirebbe una nuova scuola.

Sono i numeri degli studenti degli istituti superiori modenesi registrati dall’Osservatorio demografico e resi noti ieri mattina, durante la seduta del Consiglio provinciale che ha fatto il punto della situazione e dato importanti aggiornamenti per quanto riguarda l’edilizia scolastica.

Tornando i dati, sono 33mila977 gli studenti che nell’anno scolastico 2018-2019 frequenteranno le scuole superiori modenesi, con un aumento di 710 iscritti e 27 classi rispetto all’anno scolastico che sta per terminare.

Significativo anche il numero di studenti che arrivano da fuori provincia, che sono ben quattromila, mentre 1200 sono i ragazzi che ogni giorno “lasciano” il modenese per raggiungere la scuola nelle province confinanti di Ferrara, Bologna, Reggio e Mantova: il saldo positivo, dunque, è di 2800 studenti “da fuori”.

Ma i numeri più significativi sono quelli che fotografano il trend degli ultimi dieci anni: tra il 2008 e il 2018 gli studenti superiori iscritti ai 30 istituti modenesi - le sedi però sono 49 - sono saliti da 28mila637, per 1.287 classi, agli oltre 33mila attuali, ai quali sono da aggiungere circa 700 studenti delle serali: l’aumento in dieci anni, quindi, è di circa cinquemila studenti e quasi 200 classi.

Numeri che rendono sempre più importanti e necessari gli interventi di edilizia scolastica, come ha ricordato ieri il sindaco di Marano Emilia Muratori, consigliera provinciale con delega all’Istruzione, che ha presentato un ordine del giorno (approvato all’unanimità) con il quale la Provincia conferma il proprio impegno per garantire spazi adeguati, proseguire nell’attività di reperimento dei fondi, collaborare con i Comuni per risolvere tutte le problematiche relative agli spazi, e quindi realizzare tutti gli impegni presi, nonostante l’incertezza sul futuro e sulle risorse dell’ente.

«Abbiamo scuole di grande qualità - spiega la consigliera Muratori - perché abbiamo dirigenti e insegnanti di qualità, ma abbiamo anche un’offerta di indirizzi attrattiva e un’organizzazione della rete scolastica diffusa su tutta la provincia che porta tanti studenti a frequentare i nostri istituti. I nuovi finanziamenti - incalza il sindaco di Marano - serviranno così a realizzare interventi strutturali per la sicurezza, prima di tutto sismica, ma anche per la riqualificazione energetica e per realizzare gli ampliamenti resi necessari da una popolazione scolastica in fortissima crescita». Nel corso del dibattito è stata inserita nel documento una sottolineatura, proposta dal consigliere Roberto Benatti, sulla necessità di ammodernare dal punto di vista energetico gli edifici scolastici. (l.g.)