Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Modena pronta a festeggiare l'Arma dei carabinieri

Carabinieri alla precedente festa modenese

Martedì si celebrano nella caserma di viale Tassoni i 204 anni dalla fondazione dell'Arma dei carabinieri che oggi a Modena conta 4 compagnie, 2 tenenze e 39 stazioni locali.

MODENA. Martedì 5 giugno verra’ celebrato il 204° della fondazione dell’Arma dei carabinieri, in occasione della ricorrenza della concessione della prima medaglia d’oro al valor militare alla bandiera, per il complesso delle operazioni svolte durante la Prima guerra mondiale.


I militari della provincia di modena commemoreranno l’evento con una cerimonia che si terrà alle 10 nella caserma “Emanuele Messineo” di viale Tassoni, alla presenza delle massime autorità della provincia e dei sindaci.


L ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA. Martedì 5 giugno verra’ celebrato il 204° della fondazione dell’Arma dei carabinieri, in occasione della ricorrenza della concessione della prima medaglia d’oro al valor militare alla bandiera, per il complesso delle operazioni svolte durante la Prima guerra mondiale.


I militari della provincia di modena commemoreranno l’evento con una cerimonia che si terrà alle 10 nella caserma “Emanuele Messineo” di viale Tassoni, alla presenza delle massime autorità della provincia e dei sindaci.


L’istituzione dell’arma risale al 13 luglio 1814, data in cui re Vittorio Emanuele li costituì con regie patenti un corpo di militari “per buona condotta e saviezza distinti”, denominato dei carabinieri reali. Ai carabinieri, destinatari di speciali doveri e prerogative, vennero affidati compiti di difesa dello stato e di tutela della sicurezza pubblica. questa duplice attribuzione non rappresentò tuttavia l’unico aspetto caratterizzante del nuovo organismo. Quei soldati d’elite, divenuti il primo corpo dell’Armata Sarda (nome dell’esercito piemontese), a differenza degli altri militari, vennero distribuiti su tutto il territorio del regno, dalle città ai villaggi, a contatto con la popolazione, sin dal 1822, attraverso l’articolazione in stazioni, il cui numero e la cui forza vennero determinate “in proporzione delle popolazioni e dei costumi degli abitanti”. una formula originale ed una felice intuizione che ancora oggi definisce un modello di straordinaria attualità. La presenza dell’arma dei carabinieri in questo territorio risale invece al 1859, quando giunse a Modena il maggiore Giuseppe Formenti, che procedette allo scioglimento dei locali Dragoni. Attualmente l’Arma di Modena si compone di un comando provinciale, quattro compagnie (Modena, Sassuolo, Carpi, Pavullo), due tenenze (Vignola e Castelfranco) e 39 stazioni, reparti che hanno visibilmente dedicato le loro migliori energie al servizio della collettività e della legge.