Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Maltempo, agricoltura in crisi Danni per cereali, pere e uva

Il vento e la grandine hanno creato grossi problemi all’agricoltura. «Gravi danni ai cereali con allettamento nella zona di Fossoli: un’azienda ha stimato la perdita di circa il 30-40% del raccolto...

Il vento e la grandine hanno creato grossi problemi all’agricoltura. «Gravi danni ai cereali con allettamento nella zona di Fossoli: un’azienda ha stimato la perdita di circa il 30-40% del raccolto di grano», svela Confagricoltura che segnala guai anche su Finale.

Coldiretti Modena offre un quadro ancora più complesso per il temporale che si è abbattuto da Novi a Concordia fino a Quarantoli toccando anche Sant’Antonio in Mercadello e San Possidonio. Danneggiati i frutteti (in particolare le p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Il vento e la grandine hanno creato grossi problemi all’agricoltura. «Gravi danni ai cereali con allettamento nella zona di Fossoli: un’azienda ha stimato la perdita di circa il 30-40% del raccolto di grano», svela Confagricoltura che segnala guai anche su Finale.

Coldiretti Modena offre un quadro ancora più complesso per il temporale che si è abbattuto da Novi a Concordia fino a Quarantoli toccando anche Sant’Antonio in Mercadello e San Possidonio. Danneggiati i frutteti (in particolare le pere), vigneti ma anche le coltivazioni estensive come il frumento, a pochi giorni alla mietitura, il mais e le barbabietole. «Nelle aziende agricole Bottura di San Marino e Mastrotto di Rovereto i danni principali si registrano nei vigneti. I piccoli grappoli di uva - informa Coldiretti Modena - se non sono caduti a terra, sono stati danneggiati provocando ferite che aumenteranno il rischio di marciumi e il contagio di agenti patogeni. In ogni caso per arginare la diffusione delle malattie si rende necessario un trattamento che comporterà un aumento dei costi di produzione».

A Sant’Antonio, nell’azienda Mantovani,problemi alle pere. «Quelle di piccole dimensioni - informa Coldiretti incoraggiando la stipula di assicurazioni - hanno riportato lesioni che aumenteranno con la crescita andando ad inficiare la qualità del prodotto e conseguente svalutazione commerciale».

A Quarantoli, l’azienda Ferrarini ha subito l’allettamento completo del mais oltre alla piegatura di qualche impianto di vigneto per il forte vento. A San Possidonio perdita di prodotto e danni alla strutture alla cooperativa Cipof che ha visto volare alcune parti delle strutture.

«L’allagamento dell’ospedale di Mirandola - accusano invece Marian Lugli e Andrea Galli (Forza Italia) - ne dimostra ancora una volta lo stato precario. Nonostante le promesse e gli investimenti sbandierati, ad oggi i servizi sanitari forniti sono in calo e lo stesso edificio dimostra evidenti problemi». La struttura ieri è ripartita regolarmente alla pari delle scuole Alighieri di via Giolitti e Neri di via Toti oggi riapriranno.