Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Cento escursioni in quota Così si scopre l’Appennino

Ricco percorso che accompagna i camminatori alla ricerca delle bellezze naturali Si parte il 23 giugno da Fanano e si chiude il 30 settembre con l’alba sul Cimone

FANANO. Oltre cento escursioni per grandi e piccoli alla scoperta del territorio. Riparte sabato 23 da Fanano la settima edizione di CamminAppennino. Lo scorso anno la rassegna organizzata da “La via dei monti” ha fatto registrare 1.500 presenze. Quest’anno il gruppo di guide punta in alto grazie ad alcune novità e progetti collaudati. Nel primo aspetto rientra la pagina Instagram che andrà ad affiancare il profilo Facebook e il sito con cui ricevere gli aggiornamenti delle uscite. Nel seco ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

FANANO. Oltre cento escursioni per grandi e piccoli alla scoperta del territorio. Riparte sabato 23 da Fanano la settima edizione di CamminAppennino. Lo scorso anno la rassegna organizzata da “La via dei monti” ha fatto registrare 1.500 presenze. Quest’anno il gruppo di guide punta in alto grazie ad alcune novità e progetti collaudati. Nel primo aspetto rientra la pagina Instagram che andrà ad affiancare il profilo Facebook e il sito con cui ricevere gli aggiornamenti delle uscite. Nel secondo aspetto si confermano le parole chiave dei percorsi: scoperta, storia, natura, divertimento.

«Ci saranno escursioni maggiormente improntate all’aspetto della camminata - ha spiegato la guida Davide Pagliai - e altre più concentrate sull’aspetto divulgativo».

La guida sarà il riferimento per il 2018 dei percorsi insieme a Francesco Rosati. Della squadra fanno parte anche Milena Vanoni, Alessandro Cappellini (guida per le mountain bike) e Briscola, prototipo di guida a quattro zampe.

La prima escursione prenderà il via sabato 23 alle 8,30 da piazzale Fairbanks. Il percorso ha una difficoltà escursionistica impegnativa o E+, secondo le indicazioni del Cai. È il secondo livello dopo il turistico (T) e prima dei percorsi per escursionisti esperti (EE), escursionisti esperti con attrezzatura alpinistica (EEA) ed escursionisti esperti attrezzati ghiaccio (EEAG). Come dotazione minima occorrono calzature da trekking, acqua, occhiali e cappello da sole, giacca antivento e materiale da pioggia. Possono essere utili bastoni da trekking o da nordic walking. Il pranzo a sacco è a carico dei partecipanti, a cui è suggerito uno zainetto della capacità di 20-30 litri. Tra i punti d’interesse, i rododendri in fiore, il pizzo dei sassi dei bianchi e l’omologo delle stecche. Il costo di partecipazione per la prima iniziativa è di 15 euro.

Per tutta la rassegna le quote variano dai 12 ai 15 euro per gli adulti, a seconda del tipo di percorso. Per gli under 15 l’iscrizione è di 6 euro. È possibile segnarsi sia via telefono (371 1842531) sia via mai (info@laviadeimonti.com).

Domenica 24 è in programma un’escursione sull’Anello del Gomito all’Abetone. Venerdì 29 si va alle Cascate del Bucamante a Serramazzoni, l’indomani viaggio alla scoperta della Via Ducale a Fiumalbo. Fiumalbina anche la tappa di chiusura domenica 30 settembre con il Cimone all’alba.

Il calendario è patrocinato dai Comuni di Fanano, Fiumalbo, Frassinoro, Montecreto, Pievepelago, Riolunato, Serramazzoni e Sestola, oltre cha dal comune toscano Abetone-Cugnano. Patrocinano anche l’Ente per i parchi e la biodiversità dell’Emilia Centrale, l’associazione Appenninando, i consorzi Valli del Cimone e Cimone Holidays.

«Avere guide esperte è una sicurezza per l’attività - ha garantito Giovanni Battista Pasini, presidente dell’Ente per i parchi - e permette a chi vuol conoscere il territorio di viverlo». Un obiettivo confermato dagli amministratori e rilanciato dagli organizzatori.

«Vogliamo promuovere il territorio come unitario - ha concluso Pagliai - perché per noi l’Alto Frignano è spendibile come unico». (g.f.)